Guida di Pontassieve: aziende, servizi e comuni

Nella cornice bucolica della campagna fiorentina, Pontassieve è molto apprezzato dagli amanti della natura e della cultura, per il suo patrimonio storico di grande importanza. Il borgo è circondato dai fiumi e in particolare dal Sieve che si immette nell’Arno: il suo nome deriva infatti proprio dal ponte mediceo costruito nel XIV secolo, che attraversa il fiume Sieve. L’ampia selezione di agriturismi, hotel e ristoranti lo rende una delle località più apprezzate dai fiorentini e non solo, per tranquilli weekend fuoriporta

Le ricerche più frequenti di Pontassieve

Pontassieve, storia e antichi cammini 

Pievi, castelli e antiche dimore creano un museo a cielo aperto, valorizzando le bellezze naturalistiche. Pontassieve fa parte dell’anello del Rinascimento, un percorso che unisce Firenze con la Valdisieve e la Valdarno, toccando i principali monumenti storici del territorio. Il simbolo del borgo è il ponte mediceo con una struttura che risale alla metà del ‘500, ricostruito in seguito alla vasta alluvione del 1547. La struttura robusta è costituita da due archi in mattone, che poggiano su pietra forte, unendo quindi il borgo vecchio di Pontassieve con la frazione di San Francesco. Oltre al ponte sono presenti anche altre architetture civili di pregio come Palazzo Sansoni Trombetta, attualmente sede del Comune, le tre porte dell’antico castello e infine, una parte di mura medievali. 

Tra le architetture religiose ci sono alcune pievi e santuari di grande interesse, in particolare: la Pieve di San Giovanni Battista a Remole, il Santuario Madonna delle Grazie al Sasso, la pieve di San Lorenzo a Montefiesole e l’antica pieve di San Gervasio e Martino a Lobaco.  

Pontassieve è inoltre una delle tappe della via Romea che unisce Firenze con Arezzo ed è quindi una meta per tutti i pellegrini e gli amanti del trekking. 

Pontassieve, il trionfo della campagna Toscana

Circondata da colline, fiumi, vigneti e ulivi, Pontassieve è il borgo perfetto per chi desidera immergersi nella natura e trascorrere momenti di autentico relax. Il territorio è prevalentemente agricolo, ecco perché sono numerose le cantine con agriturismo e le aziende in cui poter effettuare degustazioni e acquistare prodotti tipici. 

L’area naturale protetta Poggio Ripaghera, che si estende su 800 ettari, racchiude una vasta rete di sentieri percorribili a piedi oppure in bici che permettono di scoprire i paesaggi toscani, ma anche la cultura di questi territori attraverso le antiche mulattiere. I boschi di castagni secolari sono un vero patrimonio naturalistico, da ammirare e conservare. Oltre ai sentieri percorribili di questa area protetta, c’è anche la Via Romea, il percorso che unisce Firenze con Arezzo passando proprio da Pontassieve. 

Inoltre è proprio in queste terre che si produce il Chianti Rufina, la più piccola specificazione geografica del Chianti, oltre al pregiato Olio Extravergine di Oliva toscano. 
Il clima mite, i paesaggi bucolici, insieme ai monumenti storici e religiosi rendono Pontassieve la località perfetta per trascorrere dei piacevoli weekend immersi nel verde, per scoprire una parte autentica di Toscana. 

Le località più cercate