1. Home
  2. Motori
  3. Autoscuole

Patente della moto: come conseguirla?

Esistono differenti categorie di patente per la moto, anche se per ognuna è necessario affrontare una prova teorica e due prove pratiche. Scopri tutto ciò che bisogna sapere

Autoscuole

Se vuoi sfruttare tutti i vantaggi delle due ruote e diventare un vero centauro allora è necessario che tu capisca come prendere la patente della moto. Molti utilizzano questo mezzo di trasporto alternativo in città, la soluzione perfetta nel traffico. Altri invece amano la pace che può infondere un viaggio su strada al mare oppure in montagna.

La patente della moto, come conseguirla

Prendere la patente della moto è indispensabile per essere in regola, anche perché si rischia una sanzione e anche di mettere in pericolo se stessi e gli altri utenti della strada. La patente A si può prendere da privatista, o a scuola guida: nel primo caso bisogna imparare autonomamente le nozioni teoriche, mentre in autoscuola puoi seguire delle lezioni di teoria per imparare tutto ciò che prescrive il Codice della Strada.

Le prove da superare per l’esame sono due: teoria e pratica. La prima consiste in un test di 40 domande vero-falso (30 per il patentino) e il tempo per terminare è di 30 minuti; gli errori ammessi sono 4. La nuova prova pratica per prendere la patente della moto invece si divide in due parti: in pista e su strada. Tutto serve per comprendere le competenze dell’aspirante motociclista che deve eseguire alcuni esercizi tra cui gli slalom tra i birilli, la frenata, i passaggi a otto e quelli stretti. Nella prova su strada invece si valuta il motociclista nell’uso quotidiano del mezzo.

La patente della moto: le differenti categorie

La patente della moto non è una sola ma vediamo quali sono le differenti categorie:

  • Patente AM per motorino da 50cc, è il patentino, necessario per portare il motorino che puoi guidare a 14 anni. Bisogna superare l’esame teorico, un quiz elettronico di 30 domande per ottenere il foglio rosa che consente di esercitarsi su strada. Dopo un mese è obbligatorio l’esame pratico.
  • Patente A1, per moto da 125 cc, permette di guidare moto di 125cc e 11 kW di potenza. Bisogna avere almeno 16 anni e sostenere la prova teorica, un quiz di 40 domande, e la prova pratica che si divide in test in pista e poi su strada.
  • Patente A2, per moto fino a 35 kW. Non è solo la cilindrata che pone i limiti della patente. A 18 anni si può guidare qualsiasi veicolo ma fino a 35 kW di potenza e con un rapporto potenza/peso non superiore a 0,2 kW/kg; infatti anche quando si consegue la patente B, vale lo stesso principio per cui esistono auto adatte ai neopatentati.
  • Patente A3, è la patente per qualsiasi moto, per conseguirla bisogna aver compiuto 24 anni e le prove da superare sono due, teorica e pratica su pista e su strada. Se si è già in possesso della patente A2 si può prendere la A3 dopo due anni, ma superando una prova. La moto usata per l’esame deve avere cilindrata uguale o superiore a 600 cc, con potenza di 40 kW minimo e un peso non inferiore ai 180 kg.

Potrebbero interessarti anche