1. Home
  2. Food
  3. Ricevimenti

Quanto costa mediamente il catering per il matrimonio?

Ecco le tipologie di ricevimento di nozze con i prezzi medi e alcuni consigli per scegliere bene il servizio di catering per il matrimonio.

Ricevimenti

Se pensi di festeggiare in una bella location e cerchi un buon servizio di catering per il matrimonio per a fare bella figura dovresti porre l’attenzione sul menu e come verrà servito.  Questi sono infatti elementi fondamentali nella scelta del catering per il giorno delle nozze, che va ponderata attentamente.

Scegliere il menu

Il ricevimento di nozze può essere inteso in modi diversi a seconda dell’ora in cui viene celebrato il matrimonio, dei gusti personali degli sposi e del numero di invitati.

Aperitivo di benvenuto e pranzo (o cena) serviti al tavolo

Potresti optare per un matrimonio classico con un aperitivo iniziale per accogliere gli ospiti, seguito da un menu con diverse portate servito al tavolo.

L’aperitivo potrà essere servito a buffet o con isole tematiche. È l’occasione giusta per liberare la fantasia e proporre ai tuoi ospiti qualcosa di insolito come una rivisitazione di ricette tradizionali locali, assaggi di piatti provenienti da altre parti del mondo e sfiziose preparazioni finger food, sempre molto apprezzate. Confrontati con l’agenzia di catering per individuare i loro punti di forza e farti consigliare. Accompagna il tutto con bicchieri di vino in abbinamento alle proposte gastronomiche, cocktail di tendenza e bevande analcoliche per accontentare i gusti dei tuoi ospiti.

Il pranzo o la cena seduti al tavolo potranno essere più o meno ricchi. Se decidi di puntare tutto sull’antipasto limita le portate a un primo, un secondo con contorno e un sorbetto. In questo caso i prezzi per il catering del tuo matrimonio varieranno tra 90 e 120 euro a persona a seconda dei piatti scelti, dei vini, degli allestimenti e dell’area geografica dove si svolgerà il ricevimento (il prezzo finale cambia notevolmente anche in base alla regione).

Se preferisci dare importanza al servizio al tavolo potrai offrire un menu più vasto e variegato. Ecco un’idea: comincia con un antipasto leggero, uno o due primi, due secondi e un sorbetto.

In alternativa elimina l’antipasto e fai servire direttamente i primi piatti. Pensa ai gusti dei tuoi invitati e varia tra piatti con carne, pesce e vegetariani. Informati su allergie e intolleranze alimentari per proporre delle alternative. Questa piccola attenzione sarà molto gradita e farà sentire coccolato chi non potrà gustare il menu originale. Chiedi anche di preparare un menu per i bambini.

Il prezzo a persona varierà tra 100 e 150 euro. Tieni conto che il prezzo finale potrebbe alzarsi notevolmente se dovessi chiedere piatti con ingredienti costosi come le ostriche o vini particolarmente pregiati.

Ricevimento a buffet o a isola

Se ritieni che per te e i tuoi ospiti sia più adatto un ricevimento di nozze a buffet senza il tradizionale menu seduti, allora ti consiglio di far creare delle isole tematiche. Sono più pratiche e moderne rispetto al buffet. Spingono alla socializzazione tra gli invitati e eliminano la staticità di una cena al tavolo. Sono molto di moda isole dedicate ai formaggi con marmellatine e mostarde, quelle dove degustare prodotti regionali da riscoprire o menu esotici rari da assaggiare altrove. La spettacolarizzazione del cibo vuole la sua parte, non è raro che i catering offrano buffet di matrimonio originali, con isole con piatti cucinati al momento.

L’importante è non esagerare con le particolarità delle proposte e coi cibi esotici. Trova un giusto equilibrio tra tradizione e modernità. Non dimenticare che ai matrimoni sono invitate persone con età e gusti differenti. Poni attenzione alla qualità del cibo e ai giusti abbinamenti con le bevande più che alla quantità.

I prezzi per il buffet del matrimonio variano in base ai prodotti scelti.

Il costo per il catering del matrimonio a persona non dovrebbe scendere sotto gli 80 euro. Può salire fino a 120-130 in base alla selezione delle materie prime e alla quantità.

Come limitare il costo del catering per il tuo matrimonio mantenendo alta la qualità?

Il segreto per non arrivare a spese esorbitanti per il catering di un matrimonio è puntare su prodotti di qualità e in stagione provenienti dal territorio. I prodotti a km 0 p a filiera corta sono una tendenza e ti farà risparmiare. Una cucina locale, tradizionale o rivisitata, ti farà fare un’ottima figura. Abbina vini di produttori locali, costeranno meno rispetto a aziende blasonate. Se hai contatti con aziende vitivinicole o distributori prendi accordi tu stesso.

Parti dal presupposto che rivolgersi a un catering per il ricevimento non è economico. Questo perché ci sono una serie di costi aggiuntivi che un ristorante non ha. Il prezzo è dato dal numero delle portate, dalla qualità del cibo, dagli allestimenti, dagli addobbi floreali e dal personale.

Fai attenzione: catering troppo economici potrebbero nascondere scarsa attenzione al servizio e alla qualità del cibo. Ecco come dovresti valutare il catering per il tuo matrimonio.

Come scegliere (bene) il catering per il matrimonio

Per semplificare l’organizzazione scegli un catering nella zona dove vivi. Se ti sposerai altrove, sarà più conveniente un catering della zona dove farai il ricevimento. Eviterai i costi di trasferta. Detto questo ecco gli elementi sui quali dovresti scegliere il catering per il tuo matrimonio:

  • la qualità del cibo: è l’elemento che decreterà il successo o meno del tuo evento. Deve essere buono e di qualità per essere apprezzato e ricordato.
  • costo del catering per il matrimonio a persona: non scendere sotto gli 80 90 euro a testa. Per un prezzo inferiore potresti avere brutte sorprese. La media dovrebbe essere tra 90 e 120 euro.
  • non scegliere il catering prima della location. Il motivo è semplice: molte ville e castelli hanno un contratto di esclusiva e non potrai portare il catering che vuoi.
  • varietà negli allestimenti: un catering attrezzato e con esperienza offre una buona scelta di tovaglie, piatti, addobbi senza costi aggiuntivi
  • numero di camerieri: assicurati che il numero di camerieri sia sufficiente per dare un buon servizio. Il minimo è 1 camerieri ogni 12-15 invitati.
  • il contratto: chiedilo sempre e fai mettere tutte le condizioni, extra compresi, per iscritto. Ti chiederanno un anticipo, il ché è lecito. Ma non pagare il saldo prima dell’evento, anche se richiesto.
  • essere a norma di legge: un’azienda che offre catering per matrimoni dovrebbe essere sempre in regola con l’assicurazione e i permessi sanitari. Tutelati.
  • alternative in caso di pioggia: chiedi che ci sia una soluzione alternativa se dovesse piovere. 
  • tempistiche tra le portate: informati sui tempi tra un piatto e l’altro. Non sottovalutare questo aspetto. Un buon ritmo è secondo solo alla qualità del cibo. La cena al tavolo non dovrebbe essere più lunga di 90 minuti per non annoiare.
  • basati sul tuo istinto e sull’esperienza in altri matrimoni: se il catering ha già fatto un buon lavoro in più occasioni, probabilmente non vi lascerà delusi
  • baby menu e alternative per disturbi alimentari: la serietà si vede anche in queste attenzioni.

Adesso hai le idee chiare per il catering del tuo matrimonio? Chiedi diversi preventivi e fai una prova prima della decisione finale. Se non hai ancora deciso che tipo di ricevimento vuoi offrire, un esperto saprà rispondere a ogni tuo quesito.

Potrebbero interessarti anche