1. Home
  2. Bellezza
  3. Erboristeria

Cos'è il biancospino e quali sono i benefici per la salute

L'utilizzo del biancospino risale all'antichità, sia in campo culinario sia in quello farmaceutico. Si tratta di un rimedio naturale utile per la salute

Erboristeria

Il biancospino – appartenente alla famiglia delle rosacee – alla vista si presenta in forma di arbusto di media altezza (dai 3 ai 5 m), con rami e foglie di colore verde-grigiastro, e piccoli fiori di un delicato colore bianco rosato che fioriscono in primavera, per lasciar poi spazio – in estate – a bacche di color rosso vivo che dureranno rigogliose fino alla stagione invernale.

È facilmente trovabile in Italia, su tutto il territorio della penisola, e in paesi che si trovano alla stessa latitudine. L’arbusto è piuttosto resistente, tant’è che è facile trovarlo fino ad un’altitudine di 1.200 m.
Questo arbusto è noto per essere un rimedio assolutamente naturale a problemi cardiaci e cardiocircolatori: scopri qui quando e come poterlo utilizzare al meglio.

Utilizzi e benefici

Utilizzato fin dall’antichità, in particolare dai monaci, il biancospino era noto sia per le sue proprietà culinarie che per quelle farmaceutiche. A tavola, le sue bacche rosso fuoco erano utilizzate per preparare deliziosi decotti e liquori; mentre foglie, fiori e corteccia erano impiegati in ambito farmaceutico per lenire problemi legati al cuore, alla circolazione e agli stati ansiosi.

Un integratore alimentare a base di biancospino è un potentissimo alleato della salute psico-fisica. La sua comprovata efficacia dipende dall’alto contenuto di flavonoidi naturali: potenti composti antiossidanti presenti in larga parte del mondo vegetale. Grazie alla loro azione, il fisico può trarre beneficio sotto diversi aspetti.

Azione cardioprotettiva

Il biancospino è da sempre un alleato naturale a coloro che soffrono di scompensi a livello cardiaco e circolatorio. Nel momento in cui il cuore appare affaticato e restio nel pompare il sangue nelle arterie che raggiungono le estremità del corpo, il biancospino interviene dilatando i vasi sanguigni addominali così che il sangue circoli più abbondantemente, restituendo un po’ di vitalità al muscolo affaticato.

La sue efficacia è comprovata: aiuta anche coloro che soffrono di affaticamento cardiocircolatorio a riprendere la pratica dell’attività sportiva.

Azione sedativa

Il biancospino – agendo sul sistema nervoso centrale – è molto utile in caso di stati ansiosi, nervosi o di prolungata tachicardia che causano insonnia e grande irritabilità. Aiutando infatti il cuore a svolgere correttamente e più semplicemente la sua funzione, anche la fastidiosa sensazione di peso sullo stomaco e di battito accelerato (sensazioni sgradevoli causate dallo stress) risulterà decisamente alleviato.

Azione anti-radicali liberi

Il biancospino – utilissimo alleato dell’organismo per la sua funzione circolatoria – è ottimo per combattere i radicali liberi, complici dell’invecchiamento precoce. Aiutando il flusso sanguigno a scorrere più rapidamente e in modo più fluido all’interno dei vasi arteriosi, contribuisce alla pulizia di questi ultimi evitando il ristagno di materiali di scarto come il colesterolo che – a lungo andare – potrebbe causare rallentamento cardiocircolatorio e, in casi più gravi, l’infarto.

Azione antinfiammatoria

Il biancospino, se assunto con regolarità con la supervisione di un medico competente, è un grande alleato nella lotta a disturbi infiammatori del tratto gastrico e intestinale, come gastrite, colite e intestino irritabile.

Controindicazioni

Come tutti i prodotti di origine vegetale e completamente naturale, anche il biancospino non presenta particolari controindicazioni. L’assunzione di un eccessivo quantitativo di questa sostanza, però, potrebbe portare il fisico al rigetto della stessa, che si manifesta con acidità di stomaco, nausea, emicrania. I sintomi cessano velocemente con la sospensione dell’integratore a base di biancospino.

Potrebbero interessarti anche