1. Home
  2. Bellezza
  3. Capelli

Barba uomo: stili e tendenze autunno/inverno 2018-2019

La barba è un elemento di super tendenza nel look di un uomo, ma solo se ben curata e tenuta in ordine. Ecco quali sono i tagli alla moda per quest'anno e come prendersene cura

Capelli

Un vezzo maschile dal grande fascino, un elemento amato da sempre e di gran tendenza negli ultimi anni, la barba, quando ben curata e in ordine, ammalia l’universo femminile. Ma quali sono le caratteristiche della barba uomo di quest’anno?

La maggiore tendenza della barba uomo per la prossima stagione è la media lunghezza, ma prima di seguire ciecamente la moda del momento, è bene valutare la forma del proprio viso così come per i tagli di capelli. Giocare con contrasti e proporzioni aiuta a valorizzare al massimo i propri lineamenti. A parte i fortunati che hanno una forma ovale o a diamante, ci sono tantissime soluzioni.

In linea generale, su un viso spigoloso come quello squadrato, l’attenzione va focalizzata al centro in modo da addolcire la mascella pronunciata quindi sì, al pizzetto anche abbinato ai baffi. Un viso tondo, invece, può optare sia per una barba media che una corta, l’importante è lasciarla più leggera ai lati per allungare visivamente il volto e renderlo più snello. Il mento lungo, al contrario, tipico del viso triangolare va alleggerito puntando sulla parte superiore e sui lati, un po’ come nel caso della forma oblunga in cui si evita di creare volume e lunghezze proprio sul mento in modo da non assottigliare ancora di più la faccia.

Moda barba uomo 2018

Una volta capita la tipologia più adatta alla nostra conformazione del viso, sarà facile capire quale trend scegliere. Abbiamo detto che la lunghezza media è la più gettonata: viene considerata come la “classica” barba che cresce in una settimana ed è estremamente versatile. Da sottolineare la famosa Van Dyke dall’aria un po’ intellettuale, con baffi e pizzetto. E proprio quest’ultimo, dal mood anni ‘90, ritorna in versioni più sottili e precise o più ampie e morbide. Ideale per affrontare un colloquio di lavoro.

La barba corta 2018 si presenta invece uniforme, ordinata e squadrata. Un must have in cui la cura del dettaglio è fondamentale e non bisogna trascurare nemmeno le basette. Per non parlare dei baffi! C’è da sbizzarrirsi, abbinandoli però ad una barba corta, così si noteranno ancora di più. La short boxed beard, sebbene più omogenea, va continuamente rifinita e mette decisamente in risalto gli occhi. Più complicata e classica, la barba ad ancora.

La barba lunga 2018 è collegata ormai allo stile hipster, perde un po’ terreno ma è ancora attuale e graditissima. Anche in questo caso, i baffi estrosi possono fare la differenza soprattutto quando si va verso le stagioni più fredde. Sulle passerelle, è spuntato però anche l’esatto contrario: il viso pulito, senza alcun segno di peluria.

La scelta è quindi decisamente ampia, in linea generale, potremmo dire che lo stile casual domina la scena. La naturalezza supera l’estremismo, con buona pace della cura di questo accessorio fondamentale per un uomo. Non c’è bisogno di ritoccarla frequentemente, ma senza dubbio è necessario prendersi cura della propria barba nel modo giusto.

Come curare la barba

Pochi e basilari consigli:

  • prodotti specifici per detergerla quotidianamente;
  • oli e balsami idratanti per ammorbidirla come l’olio di tea tree;
  • se la barba è lunga va spazzolata tutti i giorni e delicatamente per non strappare i peli ed irritare la cute e le lunghezze, vanno definite frequentemente, con l’utilizzo delle forbici;
  • tenere conto anche della pelle ed utilizzare un dopobarba non alcolico ma idratante per evitare arrossamenti dopo la rasatura;
  • le mani sapienti ed esperte di un barbiere;
  • la pazienza di aspettare mentre cresce fino ad arrivare all’effetto voluto.

La barba uomo 2018 con la sua lunghezza media è apparentemente disinvolta e naturale, adatta a tutti i contesti e agli stili. La sua versatilità la rende adatta a essere rivoluzionata anche con dettagli estrosi.

Potrebbero interessarti anche