1. Home
  2. Viaggi
  3. Agriturismi

Cosa fare un weekend a San Gimignano

Voglia di un weekend a San Gimignano? Ecco cosa visitare in due giorni e i piatti tipici della tradizione da provare assolutamente

Agriturismi

La Toscana è una delle regioni più belle d’Italia. Con le sue terre verdeggianti, i magnifici borghi, la cucina di terra, i monumenti e i musei da visitare, si conferma una delle mete più amate dai turisti. Se la vostra idea è quella di partire per un weekend e passare due giorni all’insegna della tranquillità, della cultura e del buon cibo, allora il nostro consiglio è quello di optare per un agriturismo a San Gimignano.

Cosa vedere a San Gimignano

San Gimignano è uno dei borghi medievali più belli della Toscana. Dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, è un piccolo comune di quasi 8mila abitanti in provincia di Siena, le cui prime origini documentate risalgono al 929. San Gimignano è famoso anche per le due torri – soprannominate Manhattan del Medioevo – che svettano sulla cittadina. Queste erano caratteristiche del Comune durante questo periodo storico, tanto che ne aveva ben 72: oggi, ne sono rimaste in piedi 25.

Se decidete di passare un weekend in un agriturismo a San Gimignano, sono molti i siti d’interesse storico e culturale che vale la pena visitare. La prima cosa da sapere su questo piccolo comune medievale è che nel 1282 era stata emanata una legge che impediva di abbattere le vecchie case per costruirne di nuove. Una delle caratteristiche principali di San Gimignano, quindi, è che è quasi identica a ottocento anni fa. Quando vi immergete nei vicoli del borghetto aprite gli occhi e cercate d’immaginare com’era camminare per San Gimignano nel 1200.

Tra le prime cose da visitare a San Gimignano, va annoverato sicuramente il Duomo. All’interno vi sono degli affreschi molto famosi: “Il giudizio universale” di Taddeo di Bartolo e “Il martirio di San Sebastiano” di Benozzo Gozzoli. C’è poi la Cappella di Santa Fina, con i dipinti che raccontano la triste storia della martire, il Museo Civico con la Sala di Dante (il poeta vi aveva soggiornato nel 1300), il Museo della Tortura e la Chiesa di Sant’Agostino.

Cosa mangiare a San Gimignano

San Gimignano è un comune ricco di agriturismi, diversi dei quali con ristorante, dove mangiare e sperimentare dell’ottima cucina caratteristica del luogo. I prodotti tipici del borgo sono la vernaccia, l’olio EVO e lo zafferano. La vernaccia è un vino bianco molto secco, ed è stato il primo a ricevere la denominazione DOC nel 1966. È una produzione esclusiva della zona, anche se San Gimignano è famosa pure per il vino rosso e il Vinsanto. Quest’ultimo deve il suo nome all’antico uso che se ne faceva: i preti, infatti, erano convinti potesse guarire la peste.

Il pranzo in un agriturismo di San Gimignano è sicuramente un’esperienza indimenticabile per il palato. Tra i piatti consigliati vanno annoverati gli antipasti di salumi e formaggi famosi in tutta Italia, non solo in Toscana –, le bruschette al lardo di colonnata, gli sformati a base di zafferano. Per quanto riguarda i primi, la scelta non può non ricadere su risotto allo zafferano, tagliatelle al cinghiale, agnolotti al ragù e pasta al tartufo. I secondi di carne, rinomati a San Gimignano, sono il coniglio alla vernaccia e l’ossobuco in umido. O, se preferite, potrete optare per della carne fresca e mangiare la maestosa bistecca alla fiorentina che non manca mai di deludere nessuno.

Potrebbero interessarti anche