1. Home
  2. Shopping
  3. Centri commerciali e outlet

Pannoloni per anziani: i diversi modelli e come metterli

Quando un parente diventa anziano può diventare indispensabile utilizzare i pannoloni per anziani per prevenire incontinenze: ecco una guida su come sceglierli e come utilizzarli

Centri commerciali e outlet

Un problema comune e del quale non bisogna vergognarsi con l’avanzamento dell’età, è l’incontinenza. Per chi soffre infatti di perdite urinali e defecali, esistono dei pannoloni per incontinenza studiati appositamente. Offrono un aiuto indispensabile e sotto i vestiti più leggeri nemmeno si notano. Quando si invecchia infatti, l’organismo non reagisce più come una volta, e potrebbero accadere casi del genere. L’importante è capire quando l’ausilio è necessario o no. È infatti sbagliatissimo utilizzarlo per le persone che non ne hanno davvero bisogno: succede purtroppo a volte che alcuni operatori, anche di case protette per anziani per non far muovere ogni volta l’anziano, se ne servano per evitare fatica e perdite di tempo.

In realtà aiutare le persone in questione nell’andare in bagno regolarmente, non solo ne favorisce l’organismo, ma contribuisce anche ad aumentare la loro autostima, dandogli la possibilità di essere ancora autonomi in bagno. Per chi quindi ne ha bisogno, i pannoloni per anziani risultano essere un ottimo alleato quando ci si trova in giro e non si ha la possibilità immediata di recarsi in bagno. Ma come scegliere quello più adatto, e come aiutarli ad indossarli?

Come cambiare i pannoloni per adulti

Se l’anziano si trova in una casa di riposo a questa incombenza penserà il personale addetto, ma se l’anziano è in carico ai suoi familiari è necessario imparare la procedura corretta da eseguire in questi casi, che  cambia se la persona si trova a letto o in piedi.

Nel primo caso infatti, sarebbe meglio essere in due. In ogni caso, preparatevi tutto l’occorrente del quale necessitate. Una volta spogliato della biancheria e del pannolone, facendo attenzione a non sporcare ulteriormente la pelle, mettete un asciugamano sotto le gambe e i glutei, spostando la persona leggermente su un lato. A questo punto detergete le parti intime e procedete con i prodotti appositi e non aggressivi che idratino la pelle. Fate ruotare leggermente l’anziano su un lato, così da poter infilare il pannolone bene sotto la schiena, e dopo averlo rimesso in posizione supina, sistematelo con cura sotto le gambe e intorno al corpo. Chiudetelo facendo attenzione che non sia troppo stretto né troppo largo.

Se invece la persona da cambiare si trova in piedi, potete procedere sempre con la pulizia delle parti intime (anche per prevenire l’insorgere di problemi come ad esempio la candida vaginale), e in seguito fare attenzione alla lunghezza del pannolone. Accertatevi che calzi giusto sulla pelle, e che la parte interna non sia contaminata.

Quale modello scegliere?

Quando bisogna scegliere il tipo di pannolone, bisogna fare attenzione alle esigenze della persona. Bisogna infatti dargli meno pensiero possibile. Per questo ne esistono diversi, a seconda delle necessità. È necessario infatti tener conto innanzitutto della tipologia d’incontinenza e della sua gravità. Poi quali sono effettivamente le funzioni renali della persona, facendo attenzione soprattutto al comfort. Infine potete occuparvi del prezzo.

Esistono poi diverse tipologie. C’è la mutandina con chiusura laterale, indicata particolarmente per perdite fecali, che trattiene gli odori. In questo caso però bisogna fare attenzioni alle possibili irritazioni, in quanto la pelle respirerà di meno. Poi ci sono i Sagomati, per le pelli più sensibili. Sono più comodi di quelli precedenti e riducono la possibilità di arrossamenti. Infine i Rettangolari, consigliati per l’incontinenza urinaria. Consigliati per chi dispone di una buona assistenza personale, riducono gli arrossamenti ma non trattengono gli odori.

Come assorbe il pannolone

Hanno lo stesso principio dei pannolini per i bebè: i polimeri assorbono liquidi evitandone la fuoriuscita. Derivati dalla plastica infatti, trasformano l’urina in gel, bloccandola negli strati più profondi. La pelle a contatto così rimane asciutta e non si irrita. È proprio il contatto con il bagnato infatti che favorisce gli arrossamenti. In ogni caso, questo tipo di pannoloni sono studiati appositamente per assorbire le perdite urinarie e per trattenere quelle fecali, che potrebbero causare odore.

Potrebbero interessarti anche