1. Home
  2. Salute
  3. Medicina specialistica

Candida vaginale: come curarla al meglio e prevenirla

Candida, come curarla? Ecco i migliori rimedi naturali e farmacologici per curare questo fastidioso disturbo e cercare di prevenirlo

Medicina specialistica

La candida, o candidosi, è un problema vaginale frequente che causa prurito, bruciore e perdite fastidiose e non va confusa con la cistite che ha natura batterica. Se sospettate di averla contratta, non preoccupatevi: in questo articolo vi spiegheremo come riconoscerla, come curarla e, per le prossime volte, come prevenirla in maniera efficace.

Che cos’è la candida e come si prende?

La candida è un’infezione da fungo che colpisce l’apparato genitale femminile. Si tratta di un disturbo molto diffuso tra le donne in età fertile e sessualmente attive e può manifestarsi più volte nel corso della vita. Tra i sintomi più comuni della candida, ci sono certamente bruciore, prurito e perdite vaginali.

La candidosi si manifesta nel 75% delle donne almeno una volta, e viene causato dal fungo “candida albicans” che, dopo il primo episodio, può presentare delle recidive a distanza di tempo. La candida albicans è la tipologia di candida più diffusa, ma esistono anche altri tipi di funghi che possono dare sintomatologie simili, e che si curano con trattamenti specifici. Sebbene la candida vaginale si manifesti soprattutto sulle donne, può succedere che anche le bambine o le neonate ne soffrano a causa di irritazioni da pannolino per questo è importante che l’igiene delle neonate e delle bambine sia fatta con prodotti adeguati, delicati sulla loro pelle. In alcuni casi, anche gli uomini possono soffrire di una candidosi asintomatica.

Sintomi della candida

Tra i sintomi più comuni della candida, ci sono certamente bruciore, prurito e perdite vaginali bianche dense, caratterizzate da cattivo odore. Possono inoltre manifestarsi spossatezza, debolezza e perdita del desiderio sessuale. In alcuni casi, la candidosi si manifesta anche con chiazze rosse sul basso ventre, natiche o cosce, e può essere percepito dolore durante il rapporto o durante la minzione.

Cause della candida

Tra le cause principali della candida c’è l’abbassamento delle difese immunitarie provocato da trattamenti prolungati a base di medicine o antibiotici. In questi casi può essere utile ricorrere a degli integratori per rinforzare le difese immunitarie.

Un’alimentazione troppo ricca di zucchero, inoltre, può essere causa della sua insorgenza, meglio dunque puntare su una dieta depurativa da fare periodicamente dopo periodi di alimentazione irregolare. Alla manifestazione della candida concorrono anche cattive abitudini come l’indossare intimo troppo stretto o utilizzare saponi intimi troppo aggressivi che riducono le difese naturali della vagina.

Candida: cosa fare per curarla

Tra le terapie più comuni per la candida, ci sono:

  • ovuli antifungini
  • pomate
  • fermenti lattici
  • lavande vaginali

Questi trattamenti, da applicare secondo prescrizione dai 3 ai 7 giorni, devono essere utilizzati con costanza per tutto il tempo necessario, onde evitare una recidiva. In caso di nuova manifestazione, il medico procederà a prescrivere antimicotici orali a base di clotrimazolo o itraconazolo. Una volta riconosciuti i sintomi della candidosi, è consigliato astenersi dai rapporti sessuali fino alla completa guarigione, onde evitarne il contagio.

Tra i rimedi naturali per la candida, menzioniamo sicuramente la lavanda, il tea tree oil e la camomilla, con le loro proprietà antibatteriche e sfiammanti.

Se il problema persiste, però, è importante rivolgersi a un medico specializzato che possa aiutarci a curare, attraverso i farmaci, questo disturbo.

Esistono cure definitive alla candida recidivante?

La candida recidivante, ovvero la candida che ricompare spesso, è un disturbo molto difficile da curare definitivamente che dev’essere trattato con l’azione combinata di antimicotici topici e orali, l’esercizio fisico – che può essere anche semplicemente una ginnastica dolce –  e un’attenzione particolare alle abitudini sessuali e igieniche. Si tratta di una terapia complessa che dev’essere effettuata sotto controllo medico e che richiede tempo e attenzione.

Potrebbero interessarti anche