Istituti di ricerca

150 in Italia


Gli istituti di ricerca sono strutture deputate alla ricerca in ambiti della scienza, delle scienze umane, della sociologia, della storia, della medicina. La ricerca è un ambito importantissimo, perché permette l’evoluzione umana, animale, del pianeta, del sistema solare. L’innovazione, in qualunque campo, è fondamentale per migliorare le condizioni di vita o ambientali.

Istituti di ricerca pubblici

Gli istituti di ricerca possono avere carattere pubblico o privato: solitamente ricevono finanziamenti dallo Stato stesso o dai diversi Ministeri, ma anche da organizzazioni e fondazioni private. Gli istituti di ricerca pubblici sono vigilati direttamente dal MIUR (il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), come ad esempio le Università.

 

Gli istituti di ricerca pubblici si chiamano enti e la loro attività riguarda tanti campi, dalla statistica alla medicina, dalla storia alla letteratura, dalla psicologia alla fisica. Eccoli elencati:

  • ASI
  • CNR
  • CRA
  • ENEA
  • ENSE
  • INAF
  • INEA
  • INFN
  • INGV
  • INRAN
  • INRIM
  • INSEAN
  • INVALSI
  • IRRE
  • ISAE
  • ISFOL
  • INAIL ex ISPESL
  • ISPRA ex APAT
  • ISS
  • ISTAT
  • OGS

Gli istituti di ricerca privati

Gli istituti di ricerca privati, detti anche organismi di ricerca, hanno un fine no profit o sono aziende private e la loro attività si basa su diversi ambiti, dalla ricerca di base a quella applicata. La loro crescita è un fenomeno relativamente recente: negli ultimi anni sono sorte numerose organizzazioni non a scopo di lucro o imprese che investono sulla ricerca per convertirne i risultati in prodotti e servizi.

 

Gli istituti di ricerca, per essere riconosciuti e autorizzati, devono apparire nell’elenco stilato dal MIUR. Sono autofinanziati o trovano i finanziamenti dalle donazioni di enti, fondazioni, aziende o privati cittadini. Chi apre un istituto di ricerca per essere autorizzato e legittimato dovrà fornire al MIUR tutti i dati del sistema in cui opera, una descrizione della propria attività e la richiesta di far parte dell’elenco.


La Comunità Europea e la convenzione di accoglienza

Una condizione fondamentale per la ricerca è ampliare i propri orizzonti all’estero. Per questo la Comunità Europea ha definito la convenzione di accoglienza con un istituto di ricerca, ovvero l’ammissione dei ricercatori (per un periodo di tempo superiore a tre mesi) dei paesi terzi negli Stati dell’Unione per portare avanti il proprio progetto di ricerca, purché autorizzato dallo Stato membro dell’Unione. La Direttiva è stata adottata in Italia con il Decreto Legislativo del 9 gennaio 2008.

 

In questo caso è l’istituto di ricerca a stipulare una convenzione di accoglienza direttamente con il ricercatore per accoglierlo per la durata del programma di ricerca o con lavoro autonomo o subordinato o con borsa di addestramento alla ricerca. L’istituto mette a disposizione del ricercatore un fondo per le spese, per il viaggio e una polizza assicurativa della durata del progetto. Il ricercatore, dal canto suo, deve impegnarsi a portare a termine il progetto nei tempi concordati.

 

Trova gli istituti di ricerca più vicini a te su Pagine Gialle

Sei interessato agli istituti di ricerca? Sei un ricercatore e hai bisogno di stipulare una convenzione? Vuoi unirti a un determinato organismo pubblico o privato? Pagine Gialle fornisce tutte le risposte con un elenco aggiornato e puntuale degli istituti di ricerca più vicini alla tua zona di provenienza geografica. Bastano pochi clic per trovare tutto quello che stai cercando.

Istituti di ricerca nella tua città

Istituti Di Ricerca: ricerche correlate