1. Home
  2. Food
  3. Mangiare bene

Prima volta al ristorante cinese: cosa ordinare?

Non hai mai assaggiato la cucina cinese, ma vorresti provare? Ecco i grandi classici che non ti deluderanno.

Mangiare bene

La cucina cinese è entrata prepotentemente nelle abitudini alimentari di milioni di italiani da almeno quindici anni a questa parte, tuttavia sono ancora moltissime le persone che continuano a guardare con indecisione al cibo dell’estremo oriente, come anche la cucina thailandese, temendo che sia troppo lontano dal proprio gusto. Per quanto questo possa essere vero, fare almeno un tentativo è l’idea migliore prima di decidere che non si vorrà mai mangiare cinese nella propria vita.

Cosa mangiare al ristorante cinese?

Così come nella cucina peruviana, anche in quella cinese ci sono alcuni piatti cinesi che incontrano con facilità il gusto degli occidentali. Si tratta di piatti piuttosto diversi dalle ricette tradizionali, che sono stati modificati in maniera tale da essere graditi anche fuori dal continente asiatico.

La cucina cinese ha alcuni ingredienti tipici come ad esempio il riso e la pasta di soia, che costituiscono la base di moltissimi primi piatti; pollo, maiale e anatra sono invece le carni preferite per i secondi piatti, anche se non mancano naturalmente piatti a base di pesce e gamberi.

Se è la prima volta che ci si avventura al tavolo di un ristorante cinese, la strategia migliore è scegliere cibi conosciuti, che sono diventati famosi anche tra gli avventori italiani. Lasciarsi consigliare da commensali più esperti in questi casi è la scelta migliore.

Antipasti tipici della cucina cinese

Un particolare antipasto è diventato praticamente un simbolo universale della cucina cinese: gli involtini primavera. Sono formati da una sfoglia sottile, croccante e dorata che viene fritta sul momento. Il ripieno è essenzialmente vegetariano ed è formato da carote, sedano, cipolla, verza, germogli di soia. Vengono in genere arricchiti con salsa agrodolce, un tipico condimento della cucina cinese che viene utilizzato per diverse preparazioni.

Le sfogliatine di gamberi sono molto simil, nella forma (ma non nel colore, né al gusto) alle patatine fritte in busta. La consistenza è particolarissima: croccante e porosa, sfrigola quando viene a contatto con la salsa agrodolce, che è l’accompagnamento obbligato per questo antipasto. Il gusto è piuttosto neutro: il gusto di gambero è molto leggero e viene talvolta coperto da una dose eccessiva di salsa.

Cosa mangiare al ristorante cinese: primi piatti

Il riso alla cantonese è un piatto talmente tipico da essere imperdibile. Si tratta di riso condito sapientemente con piselli, uova strapazzate e salsa di soia. Talvolta si aggiunge prosciutto cotto a dadini, ma non tutti ristoranti cinesi seguno la stessa ricetta. Si tratta di un piatto preparato a partire da pochissimi ingredienti tutti utilizzati comunemente nella cucina italiana. Soltanto la salsa di soia, che non viene comunque utilizzata in grandi quantità, conferisce al piatto un’indispensabile nota esotica. Il riso cantonese è quindi un primo piatto ideale per chi non sa cosa mangiare al ristorante cinese, per il semplice motivo che è molto difficile trovare qualcuno a cui non piaccia.

Gli spaghetti di soia alla piastra sono un primo piatto molto stuzzicante, presentato in genere su una piastra di ghisa così calda che sfrigola ancora quando viene servita in tavola. Gli spaghetti di soia hanno una consistenza piuttosto molle quando vengono cotti in acqua bollente, ma assumono una piacevolissima consistenza croccante quando vengono ripassati sulla piastra. Il condimento degli spaghetti di soia alla piastra può variare moltissimo, ma in genere vengono proposti con un mix di verdure tra cui gli immancabili germogli di soia, carote e zucchine. Anche in questo caso la salsa di soia insaporirà il piatto in maniera inconfondibile.

Secondi piatti cinesi

Se si vuole davvero mangiare cinese (almeno nella versione europea di questo genere di cucina) si deve assolutamente provare il maiale in agrodolce. La carne viene tagliata in bocconi di piccole dimensioni e saltata in padella assieme a peperoni e ananas. Il piatto viene condito con una salsa a base di aceto, zucchero e pomodoro (come il ketchup, ma migliore) con, naturalmente, una spruzzata di salsa di soia.

Chi non se la sente di sperimentare con sapori agrodolci, può orientarsi verso un piatto dal gusto molto delicato, come il pollo con salsa al limone. Anche in questo caso si tratta di bocconcini di carne saltati in padella con una salsa molto saporita, preparata a partire da zucchero, vino di riso e scorza di limone. La caratteristica principale di questo piatto è la cremosità che si accompagna benissimo alla morbida consistenza della carne di pollo. Il vino di riso serve soltanto come aroma, e la sua componente alcolica viene fatta evaporare completamente durante la cottura.

I dessert cinesi

Un dessert che tipicamente si trova nei ristoranti cinesi è il gelato fritto. Si tratta di una grossa sfera di pastella al cui interno è contenuta una pallina di gelato. La sfera viene fritta in olio bollente quando è ancora congelata, quindi il gelato all’interno mantiene la sua consistenza fresca e cremosa senza diventare liquido.

La frutta fritta e caramellata è un altro dolce tipico (vagamente più leggero del gelato fritto). Particolarmente dolci le banane e le fragole, che vengono servite anche caramellate dopo la frittura.

Potrebbero interessarti anche