1. Home
  2. Bellezza
  3. Erboristeria

Fieno greco: uno scrigno di proprietà benefiche

Il fieno greco è un'ottima soluzione, dalle origini antiche, per rinforzare i capelli e non solo. Scoprine tutte le virtù e le possibili controindicazioni

Erboristeria

Il fieno greco è una pianta molto conosciuta che cresce in maniera spontanea nelle zone costiere ma anche submontane. La sua origine non è certa, si dice arrivi dall’Asia, ma ciò che è certo è che da molto tempo viene impiegato nell’industria cosmetica.

Il nome deriva invece dalla tradizione – diffusa in alcuni Paesi – di usarlo come mangime per il bestiame. In realtà in alcune zone del mondo il fieno greco viene usato anche come alimento per le sue spiccate proprietà ricostituenti, ed è inserito anche tra gli ingredienti di parecchi integratori, anche se è sconsigliato durante la gravidanza.

Al loro interno i semi del fieno greco contengono un alcaloide che si chiama Trigonellina (il nome specifico della pianta è infatti Trigonella foenum-graecum) dalle spiccate proprietà emollienti: ecco perché il fieno greco trova ampio utilizzo nell’ambito cosmetico e, in particolar modo, nei trattamenti per capelli.

Tuttavia le sue proprietà sono davvero molteplici: Il fieno greco sarebbe in grado di aumentare l’appetito, incrementare la produzione di latte nelle donne che allattano e di tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue nei soggetti con problemi di diabete. Spesso è stato usato anche per aumentare le difese immunitarie.

Usato sotto forma di impacchi o unguenti, il fieno greco sembra avere un forte potere antiinfiammatorio.

Fieno greco capelli: quando utilizzarlo e benefici

Ma se è vero che il fieno greco trova ampio utilizzo nell’ambito della cosmetica per capelli, in quali casi si usa? Innanzitutto molti sostengono che, dato il ricco apporto di fitoestrogeni, il fieno greco sia un ottimo rimedio per contrastare la caduta dei capelli e stimolarne la ricrescita.

Ma la sua funzione non si limita a questo: grazie all’ampia presenza di mucillagini, il fieno greco ha uno spiccato potere idratante che lo rende l’ingrediente ideale per chi ha capelli secchi e sfibrati o ha necessità di ricostituirne il film idrolipico e rinforzarli.

E’ poi un ottimo antiinfiammatorio, dunque può essere utilizzato nei casi in cui il cuoio capelluto risulti infiammato o arrossato, magari dopo un trattamento aggressivo come tinture o colpi di sole.
Il fieno greco è anche in grado di regolarizzare la produzione di sebo, per cui è l’alleato perfetto di chi lamenta cute e capelli grassi.

Grazie alla presenza delle saponine steroidee infine, il fieno greco ha un ottimo potere detergente che lo rendono l’ingrediente ideale di shampoo anti forfora o idratanti, delicati e igienizzanti.
Infine, il fieno greco è in grado di regalare più corpo e volume alla chioma ed è dunque consigliato a chi ha i capelli fini e sogna una capigliatura più corposa, lucida e setosa.

Fieno greco controindicazioni: chi è meglio non lo utilizzi

Pur essendo di origini naturali, il fieno greco non è privo di controindicazioni. Ci sono infatti determinate categorie di persone che è meglio che non ne facciano uso sotto forma di cibo, quindi donne in gravidanza, soggetti allergici, persone obese o in cura con farmaci ormonali. Queste categorie di persone devono prestare attenzione anche nel caso di fieno greco usato sotto forma di impacco per capelli.

Potrebbero interessarti anche