1. Home
  2. Animali
  3. Animali domestici

Welsh Corgi: la razza canina preferita della Regina Elisabetta

Piccoli, vivaci e instancabili. I cuccioli di Welsh Corgi stanno riscuotendo un enorme successo grazie al loro carattere docile e giocoso. Ecco tutte le informazioni per il loro acquisto

Animali domestici

Piccoli, allegri e simpatici, i Welsh Corgi sono la razza di cane più amata dalla Regina Elisabetta. Questi dolci cagnolini sono poco conosciuti fuori dall’Inghilterra, il loro paese d’origine dove, al contrario, sono particolarmente popolari. Nel corso degli anni, grazie all’amore per questa razza della Regina Elisabetta, al loro carattere dolce e ad alcuni video virali, i Welsh Corgi hanno conquistato il web.

Qual è il prezzo per acquistare un cucciolo di questa razza e quali sono le origini? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Welsh Corgi: le origini della razza

Il Welsh Corgi è una razza molto antica, originaria dell’Inghilterra. Secondo recenti studi i primi esemplari di questo cane risalgono ad oltre 3000 anni fa. Sin dall’antichità veniva utilizzato come cane da guardia e da pastore, lavorando nelle fattorie.

Ad usarli erano soprattutto gli allevatori, che gli sceglievano per portare al pascolo le mandrie. Con il tempo sono state create altre razze e gli allevatori hanno deciso di non usare più i Welsh Corgi. Non a caso stavano per estinguersi quando, nel 1934, alcuni estimatori hanno iniziato a promuovere questo cane.

Welsh Corgi: com’è questo cane

Il Welsh Corgi si presenta come un cane di piccole dimensioni, da adulto infatti non supera i 15 kg e misura al massimo 30 centimetri. Ha la tendenza ad ingrassare, per questo spesso è sovrappeso. Presenta zampe corte e robuste, con un aspetto compatto simile a quello del Bassotto, mentre la testa ricorda molto quella della volpe, grazie al muso allungato.

Esistono due sottorazze del Welsh Corgi: il Cardigan, che ha una coda lunga e molto folta, e il Pembroke, che non la possiede. Il pelo in entrambi i casi è folto e di colori che vanno al tigrato al rosso sino al blu screziato. Il petto e la linea che arriva sino all’addome invece sono sempre bianchi.

Welsh Corgi: carattere

Il Welsh Corgi è un cane che in passato è stato utilizzato per portare al pascolo le mandrie, per questo è molto coraggioso e vispo. Si tratta di un animale particolarmente fedele all’uomo, con la tendenza a proteggere il proprio territorio. Questo cane è diffidente con gli sconosciuti e non va d’accordo con gli altri cani, nemmeno della sua stessa razza, talvolta divenendo piuttosto aggressivo con i suoi simili.

Questo cane è molto intelligente e attivo, non ama annoiarsi e quando è stressato può comportarsi in modo strano, mordendo i padroni alle caviglie come farebbe con i bovini al pascolo. Per addestrarlo è fondamentale non usare la forza, ma sfruttare al meglio la sua grande intelligenza. Proprio questa qualità non rende particolarmente difficile educare i cuccioli, insegnandoli in breve tempo a fare i bisogni fuori casa o ad andare al guinzaglio.

Welsh Corgi: i cani della Regina Elisabetta

I Welsh Corgi sono conosciuti in tutto il mondo come i “cani della Regina”. Elisabetta II infatti ha un amore sconfinato per questa razza che risale alla sua infanzia. Aveva solo dieci anni quando insieme a sua sorella Margaret visitò la tenuta del marchese di Bath. Il nobile possedeva un allevamento e la futura Regina rimase stregata da questi cani, così tanto che nel 1936 suo padre, re Giorgio VI, le regalò Dookie, il suo primo cucciolo. Da quel momento Elisabetta II iniziò ad adottare diversi Welsh Corgi e nel 1949 aprì un allevamento, creando in oltre cinquant’anni ben quattordici generazioni di questo cane, a partire dalla cagnolina Susan.

Oggi il prezzo di questo animale di razza va dai 650 ai 900 euro, ma può arrivare anche a 1000 euro se possiede un buon pedigree. Oltre alla spesa per l’acquisto, ovviamente occorre tenere in conto i costi legati alle vaccinazioni e all’acquisto di accessori di base come il collare e la spazzola per rimuovere i peli in eccesso.

Potrebbero interessarti anche