1. Home
  2. Shopping
  3. Tecnologia

Come funziona il bonus rottamazione TV?

Arriva un altro incentivo governativo per sostenere la transizione ecologica: il bonus rottamazione TV. Ecco a chi spetta e come funziona

08-09-2021

Tecnologia

Continua l’ampio piano di incentivi governativi per una maggiore sostenibilità e una transizione ecologica effettiva e continuativa nel tempo. Dopo il bonus per la micro mobilità urbana ecologica, ecco un altro programma di integrazioni statali che si rivelerà fondamentale: il bonus rottamazione TV.  A chi si chiede il bonus TV di 100 euro e da quando? La risposta è dal 23 agosto 2021. 

Bonus: a chi spetta?

L’incentivo statale, un bonus rottamazione TV da 100 euro, è stato previsto in occasione dell’entrata in vigore del nuovo standard di trasmissione digitale terrestre DVB-T2-HEVC MAIN 10. A causa di questo mutamento, infatti, tutti i possessori di apparecchi televisivi acquistati prima del dicembre 2018 non riusciranno a sintonizzarsi sui vari canali.

Per evitare che si incorra in fenomeni di scorretto smaltimento di apparecchi televisivi obsoleti nel caso in cui vengano cambiati, ecco quindi essere entrato in vigore, dal giorno 23 agosto 2021, il bonus TV 2021Nel caso di questo particolare incentivo non ci sono limiti di reddito familiare, come accaduto invece nel caso di altri bonus in cui era richiesto un ISEE minore a 20.000 euro.

Quindi, non è necessario presentare una documentazione relativa all’indicatore della situazione economica familiare per ottenere l’incentivo. Bisogna però sottolineare che può essere richiesto un solo bonus per nucleo familiare, e non di più. 

Ma a chi spetta il bonus TV? Bisogna chiarire che è fondamentale essere in regola con i pagamenti del canone di abbonamento al servizio di radiodiffusione; questo requisito però non riguarda i cittadini al di sopra dei settantacinque anni di età, esonerati dal pagamento del canone. 

Oltre all’essere in regola con il saldo annuale del canone televisivo è anche necessario essere residenti in Italia e, in ultimo, possedere un apparecchio televisivo acquistato prima della data del 22 dicembre 2018, come già accennato, giorno dell’entrata in vigore dello standard di codifica HEVC MAIN 10. 

Bonus rottamazione TV: come richiederlo?

Chiariti i requisiti richiesti per avere la possibilità di fare domanda di incentivo, per richiedere il bonus rottamazione tv è necessario un corretto smaltimento della televisione e avere dei documenti che lo attestino.

Dopo aver scaricato e compilato il modulo per autodichiarare di aver rottamato secondo le regole l’apparecchiatura, è necessario recarsi presso un rivenditore dove si intende acquistare un nuovo apparecchio, portando con sé quello vecchio.

Il rivenditore si occuperà quindi di smaltire correttamente il televisore e potrà applicare uno sconto pari al 20% del prezzo del nuovo apparecchio fino a una cifra massima di 100 euro. I rivenditori aderenti all’iniziativa sono elencati in una lista scaricabile, insieme al moduli dell’autodichiarazione di corretta rottamazione della tv obsoleta, sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico nella pagina dedicata all’iniziativa. 

Se invece di portare il vecchio televisore da un rivenditore per lo smaltimento lo si vuole consegnare a un’isola ecologica, è necessario controllare prima quali centri di raccolta rifiuti siano aderenti all’iniziativa; quindi, una volta consegnato, il modulo di autodichiarazione stampato e compilato dovrà essere convalidato da un addetto del centro di raccolta RAEE.

Una volta completato questo iter ci si potrà recare da un rivenditore aderente all’iniziativa per acquistare un nuovo televisore usufruendo del bonus.

Potrebbero interessarti anche