1. Home
  2. Food
  3. Enoteche e vini

Vini liguri: le migliori etichette da non perdere

La Liguria è patria di alcuni tra i migliori vini italiani. Scopri in questa guida di PG Magazine le etichette locali più celebri e come abbinarle al meglio

Enoteche e vini

Non puoi pensare alla Liguria senza che ti vengano in mente i suoi pregiati vini: la loro bontà eterogenea è dovuta alle particolari caratteristiche del territorio, formato perlopiù da strette vallate e montagne a ridosso del mare. Un mix di profumi e bellezze che si traduce in uve fresche e irresistibili, capaci di produrre vini irripetibili.

La ricchezza dei vitigni liguri è impressionante, e deriva da tempi lontani e i rapporti regionali con la fiorente città di Genova. In questa guida, troverai un elenco sostanzioso di vini liguri che proprio non puoi perderti durante le tue degustazioni in regine.

Cinque Terre Doc

Il Cinque Terre Doc è un vino bianco prodotto dalle uve di Vermentino soprattutto nelle zone di Monterosso, Riomaggiore e Vernazza – che sono tra l’altro alcuni dei paesi più belli d’Italia da visitare durante le nostre vacanze. Il suo colore giallo ambrato, tipico dei vini giovani, si esprime di un profumo di floreale ed erba appena tagliata, o frutta non ancora matura. Il sapore richiama quello della liquirizia e della cannella ed è tra i vini italiani più amati.

Colli di Luni Bianco

Il Colli di Luni Bianco Doc fa parte della famiglia dei bianchi ed è prodotto specialmente in Liguria, nelle zone di Castelnuovo, Ortonovo, Ameglia, Lerici e Arcola. Il suo colore richiama quello tipico dei vini bianchi, sebbene le bottiglie più giovani possano presentare riflessi verdi. L’odore diviene più intenso a mano a mano che il vino invecchia, e richiama il profumo dei fiori e dell’erba tagliata. Il sapore richiama quello della frutta fresca matura e della liquirizia.

Pornassio Passito Doc

Vino rosso dolce prodotto in Liguria, specialmente nelle regioni di Mendatica, Monterosso Val Latte, Pieve di Teco, Pornassio, Vessalico e Ranzo. Il sapore richiama aromi erbacei, floreali e fruttati, che si trasformano in vaniglia o spezie nel momento in cui la bottiglia risulta essere più matura e il vino diviene più liquoroso.

Rossese di Dolceacqua Doc

Il vino ligure Rossese di Dolceacqua viene prodotto soprattutto nella zona ligure di Dolceacqua, dove le sue uve trovano un ambiente ideale alla maturazione. Il sapore varia in base all’età e alla quantità di tannini, direttamente proporzionale al periodo di invecchiamento. Il sapore è morbido ed equilibrato, e lascia un sapore fruttato in bocca che saprà certamente conquistarvi.

Moscato Golfo del Tigullio

Il Moscato bianco del Tigullio, con la sua colorazione gialla paglierina carica, presenta un odore aromatico e un sapore dolce e persistente, spesso vivace. Da abbinare soprattutto ai dessert, è perfetto per essere degustato attorno ai 15 gradi e lascia in bocca un sapore armonioso e fruttato.

Colline di Levanto DOC

La denominazione di origine controllata “Colline di Levanto” viene prodotta nell’omonima zona de La Spezia, tra i comuni di Levanto, Bonassola, Framura e Deiva Marina. Questo vino bianco prodotto con le uve di Vermentino ha un colore giallo paglierino, più o meno intenso in base alla cantina.

Il suo profumo è delicato, ma il sapore è persistente e richiama la frutta fresca. È un vino secco, sapido e armonico da gustare fresco, meglio se con un piatto a base di pesce.

Potrebbero interessarti anche