1. Home
  2. Bellezza
  3. Tatuaggi e piercing

Monroe piercing: a chi sta bene?

Il monroe piercing è tra le ultime tendenze in fatto di piercing. Ma dove viene fatto? Provoca molto dolore? Ecco tutto quello che devi sapere

Tatuaggi e piercing

State pensando di farvi un monroe piercing? Se c’è una cosa che dovete evitare, è partire impreparati. Ormai sono moltissime le ragazze e i ragazzi che si adornano il viso con orecchini di ogni tipo: e se un tempo questa pratica era considerata poco elegante e sinonimo di sciatteria, adesso è diventata così di moda da essere – in alcuni casi – davvero molto glam.

Lasciate da parte tutti i pregiudizi, quindi, e scoprite tutto quello che c’è da sapere sul monroe piercing.

Qual è l’origine del monroe piercing?

Innanzitutto, come mai viene chiamato così? Perché è un omaggio a una delle attrici più belle e talentuose che siano mai esistite: stiamo parlando di Marylin Monroe, la diva che ancora oggi fa sognare uomini e donne in tutto il mondo. Marylin aveva un neo molto particolare, sul lato sinistro del labbro superiore: un neo, da molti considerato simbolo di bellezza ed eleganza. Ed è per questo che il monroe piercing è apprezzato soprattutto dalle ragazze.

Il monroe piercing è doloroso?

Partiamo da una domanda che in molti si pongono: il monroe piercing fa male? Come per tutte le operazioni di foratura, questo dipende dal vostro livello di sopportazione del dolore e dal tipo di pelle che avete. Ci sono persone che non sentono nulla e altre che invece provano un male insopportabile. In genere chi ha labbra grandi, pelle spessa e muscoli facciali più sviluppati, tende a sentire più dolore. In ogni caso in farmacia esistono diverse creme anestetiche che possono essere acquistare per addormentare la parte dove sarà applicato il gioiello.

I pro e i contro del monroe piercing

Quali sono i pro e i contro del monroe piercing? Tra i vantaggi da annoverare ci sono solo quelli estetici. Si tratta di un gioiello che può essere molto elegante sul volto se si hanno i lineamenti giusti. Questo piercing sta bene a chi ha un viso delicato e labbra carnose: con i capelli semiraccolti e un po’ di rossetto diventa davvero molto glam, tanto che da lontano non sembra nemmeno un gioiello, ma un vero e proprio neo.

C’è da dire che il piercing monroe porta con sé qualche rischio oltre a fastidiose reazioni per chi è allergico ai materiali classici dei piercing. Quello che più va valutato è che, a lungo termine, potrebbe danneggiare denti e gengive. Questo perché la placchetta è sempre a contatto con la parte interna della bocca: può quindi rovinare lo smalto e provocare ferite che, se non curate, possono portare a infezioni molto fastidiose. Proprio per evitare quest’ultime bisogna che l’igiene della bocca sia particolarmente accurata. Bisogna lavare i denti tre volte al giorno e fare risciacqui con la soluzione salina.

Un altro svantaggio del monroe piercing, ma che riguarda un po’ tutti questi orecchini che vengono applicati nelle diverse parti del corpo, è che potrebbe strapparsi, lacerando così il labbro superiore. Bisogna quindi fare molta attenzione ed evitare di fare movimenti scomposti che potrebbero farvi molto male. Un’altra cosa da tenere in considerazione, è che se un giorno deciderete di rimuovere il piercing, il foro non si rimarginerà mai completamente. C’è a chi non importa, ma dovete sapere che il buco sul labbro superiore sarà sempre visibile. Adesso che sapete tutto, a voi la scelta!

Potrebbero interessarti anche