1. Home
  2. Sport e tempo libero
  3. Sale giochi

Videogiochi anni '80, ecco la top 5

A oltre 30 anni dalla loro pubblicazioni, molti videogiochi anni '80 continuano a far breccia nel cuore degli appassionati: ecco alcuni dei titoli più amati

Sale giochi

Sembra ieri, eppure sono già passati oltre 30 anni dall’esplosione commerciale dei videogames: erano gli anni ’80, infatti, quando la diffusione delle prime console e dei primi PC portò alla pubblicazione di titoli tuttora ritenuti veri e propri capolavori del genere. Da Mario Bros a Prince of Persia, sono molti i giochi che hanno conosciuto aggiornamenti e innovazioni ma che restano impressi nella memoria degli appassionati soprattutto nelle loro versioni originali: ecco una breve rassegna dei videogiochi anni ’80 più famosi e influenti.

Mario Bros, l’idraulico più famoso dei videogames

Quando si parla di videogiochi anni ’80 non si può non citare Mario Bros., divenuto un simbolo globale per l’intero settore dei videogames. Nato come semplice personaggio del gioco Donkey Kong, con il tempo il baffuto idraulico ha finito per trasformarsi in uno dei protagonisti più amati della saga che porta il suo nome. Super Mario Bros. può essere considerato il primo gioco del genere “piattaforma”, ossia quei giochi caratterizzati da scenari in cui un personaggio si muove in tutte le direzioni per raggiungere il proprio obiettivo.

SimCity, il simulatore più completo per costruire una città

Pubblicato per la prima volta sul finire degli anni ’80, SimCity è un videogioco in cui si simula la gestione completa di una città, dalla costruzione di edifici alla pianificazione urbanistica. Partendo da zero o da alcuni scenari predefiniti, il giocatore ha il compito di edificare un’intera città con l’obiettivo di garantire la migliore qualità di vita ai propri cittadini: parchi, scuole, palazzi, stazioni di polizia, centrali elettriche e ogni altro elemento che può contribuire a rendere la città più bella e vivibile devono essere attentamente pianificati, sia dal punto di vista pratico che da quello economico. Tasse troppo alte e calamità naturali mal gestite possono infatti far crollare il morale dei nostri sim-cittadini!

Prince of Persia, uno dei giochi fantasy più innovativi

Prince of Persia è una saga iniziata a fine anni ’80, che vede come protagonista il principe dell’Antica Persia. Il gioco rappresenta uno degli esempi di maggiore innovazione per il periodo, grazie all’utilizzo del rotoscoping che ha consentito di ottenere animazioni particolarmente realistiche per l’epoca. Ideato da Jordan Mechner, Prince of Persia ha affascinato migliaia di giocatori in tutto il mondo, tanto da essere riproposto anche negli anni successivi in versioni sempre più moderne e avvincenti.

Kick Off, il calcio come non si era mai visto prima

Per gli amanti dei giochi di calcio, Kick Off è una delle pietre miliari del settore. Grazie al maggior realismo rispetto agli altri titoli del periodo, il gioco ideato da Dino Dini ha rappresentato per tantissimi giocatori un vero e proprio punto di rottura, tanto da ricevere diversi premi per l’ottimo lavoro di programmazione svolto. Ancora oggi considerato uno dei migliori videogiochi anni ’80 per sale giochi e sistemi domestici, Kick Off ha portato il concetto di simulatore di calcio ai massimi livelli per il periodo.

Pac Man, l’omino giallo conosciuto in tutto il mondo

Non si può parlare di videogiochi anni ’80 senza citare Pac Man, l’arcade prodotto dalla Namco tanto semplice quanto appassionante che ha incollato giocatori di tutto il mondo a console e schermi delle sale giochi. La sfera gialla che deve mangiare i puntini disseminati nel labirinto senza farsi catturare dai “cattivi” fantasmini, rappresenta l’essenza dei videogames degli anni ’80. Un pratico esempio di come essenzialità e creatività possano andare a braccetto creando un prodotto apprezzato davvero da tutti.

Potrebbero interessarti anche