1. Home
  2. Motori
  3. Autoscuole

Quanto costa prendere la Patente B?

Quando arriva l’età per guidare l’auto, ci si chiede quanto costi prendere la patente: le voci che vanno prese in considerazione sono diverse, vediamo qual è il prezzo definitivo e reale

Autoscuole

Quando si compiono 18 anni uno dei primi pensieri per ragazzi e ragazze diventa sicuramente quello di prendere la patente B, con la quale si potrà finalmente mettersi alla guida della propria auto o di quella di mamma e papà, purché coperta da una buona assicurazione per neopatentati.

Nel valutare quanto costa prendere la patente B, tuttavia, vanno presi in considerazione diversi elementi che contribuiscono ad aumentare il prezzo finale.

Un tempo, per risparmiare, molti si preparavano da privatisti, recandosi presso le scuole ufficiali solo al momento dell’esame di teoria e quello di pratica. Il divario di prezzo, tuttavia, oggi non è poi così molto, anche per l’introduzione di nuove norme.

Quanto costa prendere la patente in termini di tempo?

Sia per la patente B che per la patente A, per prepararsi e sostenere prima l’esame di teoria e poi quello di pratica può significare impiegare anche 6 mesi. All’iscrizione alla motorizzazione, una volta superata la teoria, si riceve il foglio rosa che dura 6 mesi e con cui è possibile circolare, sempre accompagnati da un guidatore esperto che ha la patente da più di 10 anni e segnalando con apposito cartello il veicolo.

Le guide e la preparazione agli esami

Per prepararsi all’esame teorico e pratico occorre fare esercizio. Per la teoria, nel caso di una preparazione da privatista, ovviamente questo costo non c’è, ma bisognerà avere qualcuno che possa aiutare nello studio dei vari moduli o essere molto preparati.

Se fino a qualche anno fa chi studiava da privatista poteva anche farsi fare le guide pratiche da qualcuno di fiducia, le norme in vigore dal 2013 prevedono che anche questi debbano comunque fare qualche lezione, per un totale di almeno 6 ore, da un istruttore abilitato, quindi tramite autoscuola, con i mezzi specifici.

Questo ha cambiato molto la situazione, quasi annullando la differenza fra l’una e l’altra preparazione, poiché l’unica differenza è nel fatto che con l’iscrizione all’autoscuola si ha anche la preparazione teorica all’esame, che consiste in lezioni frontali in cui si spiega il codice della strada ed esercitazioni a test.

Questa modifica alle norme è stata fatta perché mettere in strada, anche con un accompagnatore, una persona che non ha mai guidato può essere pericoloso per le persone. Le guide fatte con l’istruttore, invece, vengono svolte con automobili apposta con doppio controllo e quindi le possibilità di sinistri causati dall’inesperienza vengono ridotti e quasi annullati.

Quanto costa prendere la Patente B

Dal momento che anche i privatisti dovranno fare delle lezioni pratiche con la scuola, quindi accollarsi la spesa di queste e anche l’iscrizione all’autoscuola (necessaria di conseguenza). Valutando bene, quindi, quanto costa la patente da privatista o con la scuola il costo differisce solo e unicamente per le lezioni per la teoria. In tutti i casi chi intende fare la patente B dovrà aprire il portafogli per pagare le seguenti voci:

  • costi di motorizzazione;
  • costo delle 6 ore obbligatorie di lezioni pratiche con l’istruttore;
  • iscrizione alla scuolaguida;
  • costo di iscrizione all’esame di teoria e poi di pratica.

Costerà invece molto meno rinnovare la patente B dopo i primi 10 anni, poiché non ci saranno lezioni teoriche o pratiche ed esami di guida da sostenere.

Potrebbero interessarti anche