1. Home
  2. Motori
  3. Assicurazioni

Assicurazione auto: quali documenti bisogna avere sempre con sé

Oltre all'assicurazione auto, ecco i documenti da portare sempre in macchina per non incorrere in sanzioni

Assicurazioni

Oltre all’assicurazione dell’auto e della moto, quali sono i documenti da portare in auto? Ecco tutto quello che bisogna sapere per viaggiare in sicurezza.

Tutte le persone sanno che è fondamentale avere con sé l’assicurazione auto mentre si sta guidando: ma basta quella? Alcuni automobilisti, soprattutto quelli che hanno da poco preso la patente, non conoscono con precisione tutti i documenti che devono tenere nel portaoggetti della propria auto per evitare sanzioni: ecco che cosa è necessario sapere per viaggiare in sicurezza ed evitare spiacevoli imprevisti.

Assicurazione auto: quali sono i documenti da non dimenticare

I documenti da tenere in auto per alcune persone sono un autentico mistero, ma è importante informarsi per evitare di incorrere in fastidiose sanzioni.

Il primo documento da non dimenticare mai quando si è in auto e si sta guidando è la patente in corso di validità e adeguata al tipo di veicolo che si sta guidando. Se è scaduta occorre rinnovarla obbligatoriamente. Qualora venisse dimenticata si può incorrere in pene con multe a partire da 39 euro  e con l’obbligo di presentarsi presso una sede indicata nel verbale entro 24 ore muniti del documento.

Dopo la patente di guida, l’altro documento obbligatorio da portare in auto è il libretto di circolazione mentre è consigliabile tenere a bordo anche il Bollo Auto pagato e valido. Se il bollo auto è scaduto si può incorrere in sanzioni.

Il libretto o carta di circolazione è il documento rilasciato dalla Motorizzazione Civile della provincia di residenza che costituisce la carta d’identità del veicolo che si sta guidando e contiene tutte le informazioni più importanti relative all’auto come la targa, la data della prima immatricolazione, il modello e il numero del telaio.Tra i documenti originali da tenere in auto, questo è sicuramente uno dei più importanti e va esibito, insieme alla patente, qualora si venisse fermati da una pattuglia per un controllo. Una cosa importante è non confondere il libretto di circolazione con il certificato di proprietà dell’auto che, dopo il decreto Liberalizzazioni del 2012, non viene più rilasciato in formato cartaceo.

Poi, terzo e ultimo documento obbligatorio da tenere sempre nel portaoggetti dell’auto è il certificato di assicurazione auto anche quando si tratta di un’assicurazione auto temporanea.

Dal 18 ottobre 2015 non c’è più l’obbligo di esporre il tagliandino sul parabrezza, ma per dimostrare comunque la validità della copertura assicurativa della propria auto, occorre tenere a bordo il certificato di assicurazione quando si circola. Questo documento va esibito in caso di incidente, per fornire alla controparte tutti i dati della propria polizza assicurativa necessari per la corretta compilazione del Modulo Blu di constatazione amichevole. Circolare senza questo certificato, comporta delle sanzioni anche molto gravi, come multe da migliaia di euro e, in caso di polizza scaduta da più di 15 giorni, di sequestro immediato del mezzo.

Diventa quindi fondamentale sapere quali sono i documenti dell’assicurazione da portare in auto, per evitare di incorrere in spiacevoli imprevisti. Infine, anche se non è obbligatorio, è consigliabile tenere sempre a bordo un modulo per la constatazione amichevole. In caso di incidente infatti sarà tutto molto più facile senza dover chiedere un modulo alla controparte o a qualche automobilista di passaggio.

Guidare è una responsabilità importante: per questo motivo, prima di mettersi in viaggio, bisogna sempre controllare di avere tutti i documenti in regola.

Potrebbero interessarti anche