1. Home
  2. Food
  3. Mangiare bene

Verdure per i tuoi bambini: i trucchi per fargliele apprezzare

Far mangiare le verdure ai bambini, spesso, è una vera impresa. Ecco qualche trucco per aiutarli a sviluppare un rapporto sano con questo alimento

Mangiare bene

I cibi meno salutari come patatine e dolci, si sa, hanno un sapore che cattura da subito il palato dei bambini. Ma è davvero possibile far mangiare loro anche le verdure? In questo articolo, abbiamo raccolto una serie di trucchi e consigli per aiutare le mamme a escogitare nuovi sistemi e trucchi per introdurre frutta e verdura di stagione nella dieta dei loro bambini.

Far mangiare le verdure ai bambini: si può?

La prima cosa da tenere a mente quando cerchiamo di introdurre le verdure nella dieta dei bambini è certamente quella di dare il buon esempio, mangiandole a nostra volta. I bambini non sentono ragioni: non sono interessati alla classica motivazione “perché fa bene”. Hanno bisogno di essere coinvolti e di partecipare alle attività degli adulti, mantenendo vivo l’interesse sul cibo.

Per esempio, è una buona idea coinvolgerli nella preparazione del pasto, fornendo loro qualche piccolo compito di cucina che li farà sentire protagonisti e, soprattutto, partecipi della preparazione. Coinvolgere i più piccoli nella preparazione di una lasagna o una torta di mele, oppure i più grandi nel taglio delle verdure su un tagliere da cucina ideale, è il primo passo verso un rapporto sano e maturo con questo alimento che, se non trattato come si deve, può diventare un nemico e una fonte di grandi discussioni.

Riuscire a far mangiare le verdure ai bambini è una questione di piccole strategie. Il primo passo è certamente quello di diminuire le quantità che presenterete sul piatto. Se una montagna di spinaci, per un bambino, sembra l’Everest, una piccola porzioncina potrebbe non apparire più come una missione impossibile, e convincerlo una volta per tutte a mangiarli per evitare discussioni (o di saltare il dessert). La porzione di verdura ottimale per un bambino corrisponde alle dimensioni del suo pugno: dunque non serve preparare loro montagne di cibo.

Come le mamme probabilmente hanno già capito, insistere è inutile: le pressioni insistenti dei genitori spingeranno il bambino a puntare i piedi, trasformando le verdure in una questione di orgoglio. Le pressioni, dunque, non servono: molto meglio non insistere e, eventualmente, riproporre lo stesso alimento più avanti nel tempo, meglio se in forma diversa e con un nuovo approccio.

Via libera a forme e sapori

Cambiare forma alle verdure può essere un modo divertente per convincere i bambini ad assaggiarle. Apriamo la strada ai cuoricini di carote e alle stelline di zucchine, facendo attenzione a mantenere un aspetto accattivante. Anche il sapore potrebbe aver bisogno di una registrata, facendo però attenzione a evitare intingoli grassi e fritture pesanti seppur con l’olio giusto per friggere.

Scegliamo salse al pomodoro leggere, salsine allo yogurt o maionese delicata per convincere i nostri bambini a provare un nuovo tipo di verdura, senza però aggiungere troppo sale o, addirittura, lo zucchero. I bambini dovrebbero sempre abituarsi al sapore naturale degli alimenti, in modo da riuscire a mangiarli nella versione meno processata (e dunque più naturale) possibile. Quanto alla cottura, prediligiamo quella al vapore, e quando possibile invitiamo il bambino a consumare crude le sue verdure.

Potrebbero interessarti anche