1. Home
  2. Salute
  3. In farmacia

Tutto quello che devi sapere sull’influenza 2018

Quali sono in sintomi dell’influenza, quanto dura la febbre e come proteggersi per evitare complicanze e polmoniti. Una guida rapida per togliersi dubbi su modalità di contagio e di prevenzione.

In farmacia

L’influenza 2018 si è presentata puntuale all’appuntamento con la stagione fredda. E il virus ha fatto la sua comparsa, cominciando ad attaccare centinaia di migliaia di persone, tra adulti e bambini Secondo gli studiosi, l’influenza 2018 dovrebbe essere di entità media, questo significa che colpirà 5 milioni di italiani, costringendoli a letto per diversi giorni. Ma molto dipenderà dalle condizioni climatiche. I sintomi dell’influenza 2018 sembrerebbero essere gli stessi di sempre.  La febbre, che può essere più o meno elevata, è accompagnata da diversi disturbi dell’apparato respiratorio che possono essere semplice mal di gola così come la tosse. Naturalmente lo stato di debolezza generale e i dolori muscolari sono una costante di ogni stato febbrile e quindi rientrano anche tra i sintomi dell’influenza 2018, col mal di testa che può comparire in chi ne è più facilmente soggetto o in caso di febbre alta. Specialmente nei bambini è possibile che si manifestino anche sintomi quali nausea e diarrea.

Contro l’influenza 2018 il vaccino è la migliore prevenzione

La prima ondata di freddo e di intemperie che ha dato il via alla diffusione del virus dovrebbe essere uno stimolo, per chi ancora non l’avesse fatto, a correre ai ripari e proteggersi dall’influenza 2018 col vaccino. Soprattutto le persone anziane, i bambini e coloro che svolgono particolari attività delicate, come chi lavora contatto con i malati o chi lavora con il bestiame, dovrebbero sottoporsi al vaccino per l’influenza 2018 senza esitazione. Ci sono poi i cosiddetti pazienti a rischio, affetti da determinate patologie indicate anche nella circolare ministeriale, ai quali ogni medico di famiglia dovrebbe raccomandare caldamente il vaccino tutti gli anni. Anche perché il virus si trasmette con facilità: basta un colpo di tosse o uno starnuto per dare il via al contagio. Senza sottovalutare il fatto che coloro che hanno il sistema immunitario indebolito e i bambini sono molto più contagiosi della media delle persone.

Influenza 2018: quanto dura la febbre?

Il periodo di incubazione del virus di solito dura un paio di giorni, ma può anche accadere che ne passino quattro prima che comincino a insorgere i sintomi dell’influenza 2018. Gli adulti inoltre sono in grado di diffondere il virus già dal giorno prima che la malattia si manifesta fino a cinque giorni successivi alla comparsa dei sintomi dell’influenza, come mal di testa di vario tipo incluso forti emicranie, raffreddore e linfonodi ingrossati. Per quel che riguarda i tempi dell’influenza 2018 e quanto dura la febbre, dipende da intensità e tipo di virus contratto, ne esistono infatti diversi ceppi e il vaccino protegge dai principali 4 più diffusi. Se non si creano complicazioni la maggior parte delle persone guarisce dall’influenza nel giro di una settimana o dieci giorni. Ma bambini piccoli e anziani possono essere più a rischio di sviluppare complicanze come sinusiti, bronchiti, otiti e purtroppo molto spesso le polmoniti che possono essere sia virali che batteriche. I sintomi dell’influenza 2018 quando si evolve in polmonite virale si possono riconoscere da una febbre persistente, difficoltà di respirazione e tosse secca che produce ben poco catarro. Esistono vari rimedi naturali in grado di limitare i sintomi come l’olio di tea tree che possiedono un elevato potere antinfiammatorio, tuttavia la prevenzione resta un aspetto prioritario per combattere l’influenza.

A proposito di vaccini gratis

Per prevenire i sintomi dell’influenza 2018 il vaccino è la soluzione migliore, contando che la protezione si avvia nel giro di due settimane e prosegue per almeno sei mesi. Con circa 25 euro, a meno di non essere compresi nelle categorie a rischio che hanno diritto al vaccino gratuito, ci si leva il pensiero.
Molti non sanno che il vaccino contro l’influenza 2018 è gratis anche per le donne incinte al secondo e terzo trimestre di gravidanza, per garantire la sicurezza di mamma e bambino, e i donatori di sangue, per preservare l’importante capitale che offrono alla società.

Potrebbero interessarti anche