1. Home
  2. Salute
  3. Dieta e benessere

Tutte le proprietà e le controindicazioni del pompelmo

Il pompelmo è ricco di proprietà benefiche, ma deve essere consumato facendo attenzione ai suoi effetti collaterali. Scopriamo insieme le sue particolarità

Dieta e benessere

Succoso, fresco e ricco di vitamine: il pompelmo è un agrume straordinario, perfetto per essere inserito all’interno di diete bilanciate e diete dimagranti, come la dieta S.D.M.

Di un colore vivace, in natura è possibile trovare il pompelmo rosa e il pompelmo giallo che solitamente vengono consumati sotto forma di succo. I benefici del pompelmo sono molteplici: nel suo succo è possibile ritrovare un’ampia gamma di sali minerali come potassio, magnesio, calcio, rame e ferro, ed è anche un ottimo alleato idratante. È particolarmente indicato nelle diete perché ipocalorico e, al contempo, molto saziante.

Vediamo di seguito le proprietà del pompelmo e come utilizzarlo al meglio, stando però attenti ad alcune controindicazioni.

Le proprietà benefiche del pompelmo

Come già visto, il pompelmo è davvero un frutto magico: oltre a essere ricco di vitamine e minerali, è scientificamente provato che consumare il pompelmo integra vitamine del gruppo A, C e B, e possiede anche proprietà antitumorali. Un vero e proprio toccasana per chi desidera seguire uno stile di vita sano, soprattutto per alcune caratteristiche tipiche di questo colorato agrume. Il frutto e il succo del pompelmo sono in grado di stimolare la digestione e prevenire l’esofagite da reflusso, di bruciare grassi grazie alle fibre presenti, e hanno un fortissimo potere drenante. Anticellulite, vitaminico, e snellente: un frutto praticamente perfetto sotto ogni aspetto… o quasi.

Prendi dei farmaci particolare? Attenzione al pompelmo!

Al contrario degli altri frutti, il pompelmo non è così innocuo come potrebbe sembrare. Benché siano ampiamente riconosciuti i benefici legati alla sua assunzione, bisogna prestare molta attenzione a consumarlo durante terapie farmacologiche. il pompelmo comporta un’interazione con i farmaci a causa della naringina, una sostanza presente nell’agrume che abbassa l’attività di alcuni enzimi presenti nel fegato e che sono compromessi durante l’assunzione di alcune medicine. Farmaci per il colesterolo, antibiotici e persino ansiolitici e anticoncezionali potrebbero non funzionare a dovere se si consuma troppo pompelmo, o addirittura portare a un incremento degli effetti collaterali. È consigliabile quindi parlarne sempre con il proprio medico prima di gustare un rinfrescante succo al pompelmo!

Un antinfiammatorio naturale: i semi di pompelmo

Qualsiasi parte del pompelmo risulta preziosa: dal succo alla polpa, passando persino per i suoi semi. I semi di pompelmo, infatti, hanno un enorme potere antiossidante e antinfiammatorio, proprio come l’aglio: contribuiscono a incrementare la naturale azione antibatterica dell’organismo e sono persino antiallergici. Sebbene non sia facilissimo consumare i semi di pompelmo in maniera naturale, è possibile acquistare degli estratti di semi di pompelmo da consumare in diverse occasioni. Questi estratti sono perfetti per combattere la cistite, il mal di gola, il raffreddore, l’otite, le stomatiti, e persino l’acne e la colite. Inoltre l’estratto di semi di pompelmo è ottimo anche se aggiunto di detergenti per l’igiene intima, grazie alla forza antinfiammatoria in grado di placare rossori, pruriti e fastidi genitali.

Ricette con il pompelmo

Puoi consumare il pompelmo bevendone il succo o utilizzandolo in ricette succulente, come ad esempio gustose insalatone a base di rucola e pompelmo, in centrifugati vari, e persino nella sua versione cocktail! Il pompelmo è perfetto anche aggiunto in ricette a base di pesce leggero come merluzzo, sogliola e cernia.

Potrebbero interessarti anche