1. Home
  2. Salute
  3. Fisioterapia

Tornare a camminare con la protesi al ginocchio:la riabilitazione

Quando si mette una protesi al ginocchio diventa fondamentale la fase di riabilitazione: ecco come affrontare questo periodo e tornare a camminare in fretta

Fisioterapia

La riabilitazione per protesi al ginocchio è un percorso che inizia immediatamente dopo l’intervento, così come accade per la riabilitazione post frattura del femore negli anziani. Occorre seguire con cura le diverse tappe così da ottenere una completa guarigione.

Dopo l’operazione bisogna cominciare a muoversi

La riabilitazione per protesi al ginocchio inizia fin dal giorno dopo l’intervento. In ambito medico, infatti, si tende a promuovere una ripresa veloce del movimento, accorciando, allo stesso modo, anche i tempi di ricovero. Il paziente, così, ritorna a muoversi nei giorni subito successivi all’operazione grazie all’aiuto di supporti come deambulatore e tutore. È presente un certo grado di dolore nella riabilitazione per protesi al ginocchio che è alleviato dall’uso di farmaci. Esso è dovuto all’intervento subito e al trauma che ne è derivato. Non bisogna però farsi fermare dal dolore perché esso è presente soprattutto nella fase iniziale.

Medico e fisioterapista sono indispensabili per guarire

Il primo obiettivo della riabilitazione del ginocchio con protesi è di evitare conseguenze post-operatorie come trombosi o ulcere da decubito. Quindi occorre cominciare sin da subito a eseguire movimenti limitati che non sottopongano a rischio l’articolazione appena operata. Il fisioterapista (figura professionale differente dall’osteopata), in accordo col medico, prescrive movimenti controllati del collo del piede e ginnastica isometrica per potenziare soprattutto il quadricipite. Inoltre, in questo momento, sono somministrati antidolorifici e applicazioni di ghiaccio per tenere sotto controllo dolore e infiammazione dovuti all’intervento.

L’importanza di movimenti attenti per non sforzarsi troppo

Superata la prima cruciale fase, l’obiettivo diviene conquistare un efficace recupero funzionale del ginocchio in cui è stata inserita la protesi. Gli esercizi cui si viene sottoposti dagli specialisti consistono in movimenti di estensione e propriocettivi, che vedono perfino l’impiego di apparecchiature specifiche. Dopo un intervento di questo tipo è importante re-imparare a muoversi, affrontando quei passaggi essenziali come spostarsi dal letto alla sedia o utilizzare i servizi igienici. Movimenti che possono rappresentare diverse criticità: anche per tale ragione la figura del fisioterapista diviene centrale nel percorso riabilitativo.

L’idroterapia riduce i tempi di ripresa?

Negli ultimi anni, in questo campo, si è affermata una nuova metodologia: la riabilitazione per protesi al ginocchio con esercizi in acqua. La rilevanza di un’articolazione complessa e ampia come il ginocchio si lega a doppio filo con la sua funzionalità nel corpo umano. Sul ginocchio scarichiamo tutto il nostro peso, perciò in acqua la riabilitazione diviene subito più semplice e rapida. In acqua, siamo stimolati a muoverci perché il tutto avviene in microgravità e, per tal motivo, in assenza di dolore. Questi stessi movimenti curano il nostro ginocchio, perché stimolano la produzione di sostanze vitali per l’articolazione stessa. In questo senso, anche l’idromassaggio può trasferire i suoi benefici al percorso di riabilitazione.

Come si gestisce la fase riabilitativa

La riabilitazione per protesi al ginocchio è un percorso strutturato, composto di diversi momenti. Le condizioni di partenza del paziente incidono molto e ogni ginocchio è diverso perché ha la sua storia. Una buona riabilitazione parte dalla consapevolezza che non sarà facile: per questo il paziente deve essere preparato e guidato da esperti, medico e fisioterapista in primis. A fare la differenza, spesso, sono i loro consigli con cui tenere alla larga lo sconforto, un’insidia molto frequente nei percorsi riabilitativi. E quando il ginocchio sarà tornato in forma un’idea può essere quella di fare esercizi di ginnastica presciistica per rinforzare i muscoli.

Potrebbero interessarti anche