1. Home
  2. Salute
  3. Medicina specialistica

Strabismo: come prevenirlo, riconoscerlo e curarlo

Leggero e affascinante come lo strabismo di Venere oppure insistente e invalidante come chi non riesce più a mettere a fuoco. Lo strabismo non va mai sottovalutato

Medicina specialistica

Occhi male allineati oppure orientati in direzioni diverse: ecco che cos’è lo strabismo, disturbo della vista che colpisce all’incirca 4 persone su cento. Può comparire a qualsiasi età per diversi motivi. Si può soffrire di uno strabismo intermittente oppure dovere fare i conti con un più fastidioso strabismo costante che in realtà è il disturbo in fase conclamata. Qualunque sia il livello al quale si presenta, si tratta di un problema determinato dal mal funzionamento dei meccanismi neuromuscolari che regolano il movimento degli occhi.

Le principali cause dello strabismo

Ci sono alcune cause dello strabismo che variano in base all’età in cui insorge la malattia. Il fattore ereditario è una di queste cause scatenanti dello strabismo: sovente compare in età infantile se in famiglia ci sono già casi di questo disturbo. Il difetto si può anche presentare soltanto in certi momenti della giornata, per questo si parla di strabismo intermittente, ma non va sottovalutato.

Così come non va preso sottogamba il difetto talmente leggero da essere ritenuto un vezzo. Lo chiamano strabismo di Venere perché lo sguardo è lievemente asimmetrico e sembra sfuggire al controllo, ma anche in questo caso è comunque bene fare i controlli fin da quando si manifesta, per correggerlo tempestivamente ed evitare peggioramenti.

Le principali cause dello strabismo negli adulti sono:

  • la presenza di difetti della vista
  • le malattie oculari
  • malattie neurologiche, malattie endocrinologiche, paresi dei muscoli degli occhi e paresi cerebrale.

Sintomi dello strabismo? Non solo visione doppia

I rischi di una mancata diagnosi dello strabismo o di una diagnosi tardiva possono portare a una perdita della visione bioculare e a un’importante riduzione permanente della acuità visiva. Ecco perché è fondamentale fare molta attenzione a tutti i sintomi dello strabismo. Nelle persone adulte il principale sintomo rivelatore è la diplopia, cioè la visione doppia. A questa difficoltà visiva si possono affiancare altri disturbi:

  • mal di testa
  • bruciore agli occhi
  • bisogno di strizzare gli occhi
  • sensazione di fastidio alla luce, ovvero fotofobia

Prevenzione e diagnosi dello strabismo

La prevenzione è sempre la migliore arma contro qualsiasi disturbo, ecco perché sarebbe sempre opportuno programmare per i propri figli delle visite oculistiche a cadenza regolare, circa ogni due anni.  Un controllo periodico è fondamentale per individuare immediatamente disturbi della vista, come l’ambliopia, altro difetto molto diffuso tra i bambini, e il rischio di strabismo così da evitare qualsiasi sviluppo problematico.

A maggior ragione, nel momento in cui si ha il sospetto che ci sia in atto una patologia del genere, mai sottovalutare il problema. Anche perché una visita oculistica e una valutazione ortottica con lo studio della motilità oculare sono sufficienti per effettuare una diagnosi dello strabismo.

Le cure dello strabismo e le novità chirurgiche

Quando la visita oculistica, attraverso la valutazione di determinati parametri e la storia clinica, effettua la diagnosi, si passa alla cura dello strabismo che ovviamente richiede soluzioni diverse in base al livello di asimmetria degli occhi. Solo lo specialista può stabilire il tipo di correzione più adatta. A volte basta utilizzare lenti correttive specifiche – montate su appositi occhiali per bambini – che servono per riacquistare l’acutezza visiva e correggere la piccola deviazione.

Altre volte la diagnosi dello strabismo è tale da richiedere necessariamente l’intervento chirurgico per spostare il muscolo oculare così da rimetterlo nella giusta posizione e correggere completamente la deviazione. In alcuni ospedali specializzati per la cura dello strabismo è possibile sottoporsi a un nuovo tipo di interventi di chirurgia per lo strabismo. Esiste una tecnica recente poco invasiva chiamata Miss, ovvero Minimally Invasive Strabismus Surgery, che contiene il trauma e minimizza tutti gli effetti del decorso post-operatorio, perché riduce a pochi a millimetri l’incisione congiuntivale attraverso la quale operare. Un‘ottima soluzione per tornare a vederci chiaramente.

Potrebbero interessarti anche