1. Home
  2. Salute
  3. Omeopatia

Sepia, un rimedio omeopatico per i malesseri della menopausa

Ricavata dall’inchiostro di seppia essiccato, la Sepia è un ottimo rimedio omeopatico per i disturbi del sistema nervoso centrale legati alla menopausa

Omeopatia

Forte è la relazione tra omeopatia e menopausa: i rimedi fitoterapici, impiegati nel trattamento dei disturbi legati alla menopausa, delicata fase della vita femminile, sono davvero tanti. È tra loro, che troviamo la Sepia.

In omeopatia, la Sepia è un rimedio ricavato dall’inchiostro di seppia essiccato. Se i suoi principali componenti sono la dopamina, la L-DOPA (amminoacido impiegato per il trattamento del Parkinson), la tirosinasi, la melanina e il muco, la concentrazione di tali sostanze (ma anche di amminoacidi e glicoproteine, di carbonato di calcio, magnesio, cloruro e solfato di sodio) dipende dall’esemplare da cui l’inchiostro viene estratto.

Nota soprattutto tra i rimedi omeopatici per la menopausa, la Sepia è quindi un prodotto di derivazione animale. Come viene realizzata? Triturando l’inchiostro di seppia, e sottoponendolo al doppio processo di diluizione in soluzione idroalcolica e dinamizzazione.

La Sepia in menopausa

Le proprietà della Sepia, in omeopatia, sono note soprattutto in riferimento all’area genitale femminile. Il merito va alla sua capacità d’agire sul sistema nervoso centrale, sulle ovaie e sugli organi pelvici della donna, ma anche sui muscoli, le articolazioni, i nervi periferici, la pelle, il fegato e il tratto gastrointestinale.

A cosa serve la Sepia, in omeopatia? Principalmente, a curare i disturbi legati al ciclo mestruale: gonorrea, dismenorrea, leucorrea, amenorrea, irregolarità del ciclo. Ma anche per alleviare i dolori durante l’atto sessuale, per trattare il prolasso uterino e una libido scarsa.

Soprattutto, però, la Sepia è diffusa nei prodotti omeopatici per la menopausa. È molto utile, infatti, per tutte quelle donne che provano dolore causato dalla secchezza vaginale, per l’ansia causata dalle vampate di calore, per chi ha crisi di pianto e irritabilità, per chi è soggetta a candidosi. Tra le proprietà della Sepia in omeopatia troviamo poi la capacità di aiutare chi, in menopausa, soffre di perdita di capelli, marcata freddolosità e di quella sensazione di sentire l’utero scivolare verso il basso.

Sepia: altre applicazioni e dosaggi

Non solo viene impiegata in menopausa: tra le proprietà della Sepia, in omeopatia, troviamo la sua capacità di agire a livello neuro-endocrino, per curare gli stati d’astenia caratterizzati da tristezza, facilità al pianto, indifferenza verso le persone care, senso di spossatezza, ciclotimia, torpore fisico e mentale. Viene poi impiegata per le infezioni e le micosi vegetali, per le infezioni urinarie recidivanti, per asma e bronchite croniche con aumento della tosse nelle ore notturne, per chi ha cute secca o con eczemi e per chi soffre di herpes labiale o genitale.

Ma qual è il dosaggio della Sepia in omeopatia? Per chi soffre di esaurimento nervoso, di chiusura in se stesso o di depressione post-partum, la posologia è di una diluizione a 15 o da 30 CH, con l’assunzione di cinque granuli al giorno (la stessa diluizione è indicata anche per le infezioni vaginali e urinarie, ma l’assunzione – in questo caso – è di cinque granuli due volte al giorno); per i casi di nausee gravidiche, il dosaggio è di una diluizione a 5 CH, con cinque granuli due volte al giorno. Infine, per chi soffre d’asma, bronchiti croniche, herpes ed eczemi, la diluizione è di 15 CH, e l’assunzione prevede una monodose settimanale.

Potrebbero interessarti anche