1. Home
  2. Salute
  3. Chirurgia estetica

Ringiovanire senza dolore: il mini-lifting

Il Mini lifting è un piccolo intervento di chirurgia estetica ideale per cancellare i primi segni del tempo sul viso: ecco come si svolge.

Chirurgia estetica

Il mini lifting antirughe è una nota procedura estetica poco invasiva che permette di ridurre l’incidenza delle rughe e delle pieghe del tempo sul viso. Si tratta di un’operazione sempre più richiesta, sia da uomini che da donne, poiché è assai meno invasivo del lifting tradizionale.

In questo articolo cercheremo di capire che cos’è un mini lifting, come avviene l’intervento e quali sono rischi e vantaggi di questo piccolo ritocco estetico.

Mini lifting: cos’è?

Si tratta di una versione meno invasiva e traumatica del classico lifting: il mini lifting è un piccolo intervento ideale per distendere la pelle, appianando le prime rughe e solchi d’espressione, per conferire al paziente un aspetto giovane e tonico.

A differenza del lifting classico, il mini lifting viene però effettuato solo nella zona del viso compresa tra occhi e bocca, in prossimità degli zigomi, o sull’area del mento. Non interverrà pertanto sugli inestetismi presenti sulla fronte e sulle rughe del collo, ma potrebbe essere utile per rimuovere la pelle cadente ai lati della bocca. In poche parole, il mini lifting non riguarda tutto il viso, ma permette al paziente di intervenire in maniera mirata sui piccoli segni che il tempo ha lasciato in alcuni punti dell’ovale. Si tratta di un intervento poco doloroso e molto efficace per le donne e gli uomini fra i 35 e i 55 anni di età, da applicare su rughe recenti e poco profonde e una pelle ancora piuttosto giovane ed elastica.

Il mini lifting risulta particolarmente apprezzato per ripristinare il viso al suo stato giovanile, con risultati molto duraturi nel tempo e un intervento che praticamente non lascia segni.

L’intervento di mini lifting

L’operazione di mini lifting viene effettuata in anestesia locale e prevede che il chirurgo pratichi piccole incisioni nelle aree interessante dalla correzione estetica. La posizione di quelle che, successivamente, diventeranno cicatrici, dipende anche dalla fisionomia del paziente e dalle preferenze del chirurgo.

L’intervento dura poco più di un’ora e viene effettuato, in sala operatoria, da un chirurgo qualificato e competente. Al termine del mini lifting, vengono apposte le medicazioni. L’operazione richiede l’utilizzo di piccole fasce compressive per aiutare la guarigione dei tessuti.

Tempi di recupero

L’operazione di mini lifting richiederà circa una settimana di riposo, sebbene diversi pazienti che svolgono attività poco faticose possano decidere di rimettersi al lavoro già a partire dal secondo giorno. L’importante, è sospendere lo sport e le attività pesanti per almeno 2-3 settimane. I punti di sutura vengono infine rimossi dopo 2 settimane. Nei periodi successivi all’intervento è normale avvertire rigidità e gonfiore: sarà compito del chirurgo prescrivere eventuali medicamenti per ridurre il disagio del paziente durante il periodo di recupero.

Come per ogni intervento chirurgico, non solo estetico, è sempre bene ascoltare le parole del chirurgo e seguire alla lettera i suoi consigli, sia prima che dopo l’intervento, al fine di ottenere una guarigione rapida e tempestiva.

Quanto costa un mini lifting?

Il costo di un mini lifting oscilla, in base all’entità dell’operazione, dai 3.000 ai 5.000 euro più le spese cliniche. Il prezzo dell’intervento varia anche sulla base dell’area in cui verrà effettuato e sull’estensione e la profondità delle rughe.

Macs Lifting: una variante del mini lifting

Acronimo di “Minimal Cranial Suspension Lift”, il MACS Lift è attualmente la tecnica di lifting più utilizzata di mini lifting, e si avvale di 2-3 suture che permettono di tirare verso l’alto e all’indietro la linea della mandibola, riducendo gli effetti della pelle cadente sulle guance in maniera efficace e tempestiva.

Quick Lift: cos’è?

Anche noto come lifting della pausa pranzo, questo intervento non chirurgico prevede una specie di “soft lifting” effettuato, per esempio, con fili di trazione che rendono il viso più tonico e fresco, riducendo l’incidenza di piccole rughe.

Il quick lift (o quick lifting) rappresenta una soluzione non chirurgica agli interventi estetici di rimozione delle rughe e dei solchi d’espressione, ed è perfetta per le persone che desiderano provarne gli effetti senza tutti i rischi che si combinano a un’operazione di chirurgia.

A differenza del lifting e del mini lifting, i risultati del quick lift sono destinati a sparire in pochi mesi, e l’operazione dovrà quindi essere ripetuta.

 

Potrebbero interessarti anche