1. Home
  2. Salute
  3. Medicina specialistica

Rene policistico: come riconoscerne tutti i sintomi

Il rene policistico è una patologia ereditaria i cui sintomi compaiono intorno ai 30/40 anni. Molto importante è diagnosticarla e intervenire debitamente con l'aiuto di un medico

Medicina specialistica

Il rene policistico, detto propriamente policistosi renale o malattia policistica renale, è una patologia genetica ereditaria piuttosto comune.
Questa patologia causa la formazione di numerosi cisti sul tessuto renale che compromettono il normale funzionamento del rene.

Che cos’è il rene policistico?

Come dice la parola stessa, la policistosi renale implica la formazione di molte cisti su entrambi i reni. Sia il numero delle cisti sia la dimensione possono aumentare nel corso degli anni e possono addirittura interessare anche altri organi, come il pancreas e il fegato.

Il rene policistico è una anomalia genetica che si verifica nel momento in cui vengono ereditati dai genitori i geni mutati: nel caso della malattia renale policistica autosomica dominante è sufficiente ereditare un solo gene mutato perché si sviluppi la malattia. Ed è anche il caso più frequente pare infatti che circa il 90% dei casi di rene policistico siano di questo genere.

Molto più rara e più precoce è invece la malattia renale policistica autosomica recessiva, per la quale occorre ereditare almeno una coppia di geni mutati.
Una delle conseguenze più frequenti del rene policistico è l’insufficienza renale, una condizione patologica che si verifica quando, appunto, i reni non sono in grado di compiere il loro dovere con conseguenze anche gravi.

Rene policistico: sintomi

Poiché nella maggior parte dei casi la patologia del rene policistico compare tra i 30 e i 40 anni, è molto importante conoscerne i sintomi.

I sintomi del rene policistico si presentano nella fase avanzata della malattia e sono tutti quelli che riguardano la scarsa funzionalità renale:

  • pressione arteriosa alta
  • mal di testa
  • calcoli ai reni
  • infezioni renali
  • dolori durante la minzione
  • scompenso renale

Quali sono le cure per il rene policistico

Attualmente per il rene policistico non esiste una cura definitiva che possa evitare la formazione delle cisti.
Gli specialisti ritengono che sia il trapianto di rene, sia la rimozione chirurgica delle cisti nella maggior parte dei casi possano essere molto pericolose e non risolutive. Per questo preferiscono trattare i pazienti affetti da rene policistico con altri sistemi.

I trattamenti che vengono somministrati riguardano più che altro la sintomatologia legata a questa patologia, in particolare la pressione alta, le infiammazioni renali, l’insufficienza renale e la possibilità di diffusione di cisti in altri organi.

È molto importante associare a queste terapie uno stile di vita sano, in modo da non peggiorare le condizioni fisiche generali e rallentare la degenerazione renale. Per il rene policistico è molto importante la corretta alimentazione. Una dieta a basso contenuto di grassi è utile per abbassare i livelli di colesterolo, soprattutto in concomitanza con una regolare attività fisica.

Rene policistico: che alimentazione seguire?

Per il chi ha il rene policistico l’alimentazione dovrebbe essere povera di sodio, proteine e fosforo. In particolare:

  • Ridurre alimenti ricchi di proteine di origine animale (carne rossa, pesce, uova, latte, latticini, formaggi, salumi e insaccati) e proteine di origine vegetale (legumi);
  • Preferire alimenti aproteici appositamente prodotti senza proteine (tipo pane, pasta, riso, farine);
  • Controllare la quantità di calorie assunte: dovrebbero essere circa 35 kcal per chilo di peso corporeo, considerando una persona normopeso. Vanno comunque concordate con il medico curante a seconda dell’età, della condizione fisica e dell’attività svolta. Molto importante è fare il calcolo del fabbisogno calorico giornaliero.

Se hai il sospetto di essere affetto da questa patologia o, a maggior ragione, se nella tua famiglia ci sono persone con il rene policistico, è opportuno rivolgersi a uno specialista ed effettuare sotto la sua guida tutti gli esami del caso.

Potrebbero interessarti anche