1. Home
  2. Salute
  3. Fisioterapia

Quali sono le cause e i sintomi della coccigodinia?

Soffrite di coccigodinia ma non sapete molto a riguardo? In questo articolo troverete di cosa si tratta, i sintomi e come curarla. Scoprite di più di seguito

Fisioterapia

La coccigodinia è un problema caratterizzato da un dolore intenso avvertito nella zona che si trova nell’ultima parte della colonna vertebrale vicino ai glutei. Si tratta di una patologia piuttosto comune e di cui soffrono molte persone, ma che si può curare in modo efficace utilizzando diversi rimedi. Scopriamo quali sono i sintomi della coccigodinia, qual è la cura e la terapia migliore, ma anche come trovare sollievo grazie alla fisioterapia.

Coccigodinia: le cause

Quali sono le cause della coccigodinia? In assenza di patologie, il più delle volte questo disturbo è causato da un trauma da caduta che coinvolge i glutei. Spesso si tratta anche della conseguenza di microtraumi che si verificano a causa di un’attività che viene compiuta per un periodo di tempo prolungato, ad esempio andare in bicicletta, in moto o a cavallo.

L’evento traumatico, al contrario di quanto si pensa, può risalire anche a diversi mesi o anni prima rispetto alla comparsa del dolore. Quando non è riconducibile a un trauma, la coccigodinia può essere legata ad altri fattori. In particolare, i soggetti più esposti sono le donne per via della conformazione delle pelvi che rendono più esposte le vertebre coccigee, causando traumi o infiammazioni croniche che portano a instabilità e sensibilità eccessiva.

Coccigodinia: i sintomi

Il primo sintomo della coccigodinia è il dolore che è intenso e spesso intollerabile. A volte è presente con un’intensità variabile, altre volte è costante, in ogni caso peggiora quando la persona che ne soffre si siede. Non a caso, chi riscontra questo problema trae sollievo nell’utilizzare l’apposita ciambella per sedersi. Si tratta di un dolore molto invalidante, che condiziona pesantemente l’attività lavorativa, la vita di relazione e sociale.

Coccigodinia: la diagnosi

Come avviene la diagnosi della coccigodinia? Chi ne soffre avverte dolore semplicemente con la digitopressione, ma la risonanza magnetica e il radiogramma delle vertebre del coccige in posizione erette e seduta, rappresentano due esami ottimi per confermare la diagnosi fatta dal medico. Il primo esame infatti serve per escludere le altre cause, mentre il secondo per valutare al meglio la conformazione del coccige.

Coccigodinia: cure e terapie

La coccigonidia, al contrario di quanto si pensa spesso, si può curare. Le terapie scelte sono legate alle cause del dolore. Se la patologia deriva da una frattura si possono ridurre lussazioni e sublussazioni tramite la manipolazione interna. La fisioterapia è inoltre un’ottima alleata per ridurre il dolore e migliorare anche la postura. Nel caso tutte le cure fallissero si può ricorrere alla chirurgia, rimuovendo la vertebra dolorante.

Nel caso tali provvedimenti fisioterapici fallissero, la terapia è chirurgica e consiste nel rimuovere la vertebra dolorante. L’intervento viene effettuato spesso in regime di day hospital, anche se la maggior parte dei medici preferisce tenere il paziente in osservazione almeno per una notte. Si effettua in anestesia locale e dura in tutto circa mezz’ora.

Potrebbero interessarti anche