1. Home
  2. Salute
  3. In farmacia

Quali sono le cause della carenza di vitamina D?

Siamo consapevoli del fatto che la vitamina D è fondamentale per il nostro organismo, ma cosa succede se non ne assumiamo abbastanza? Qui un approfondimento

In farmacia

La vitamina D è fondamentale per il benessere dell’organismo e, se è insufficiente, può causare molti problemi. La carenza di vitamina D, al contrario di quanto si pensa, è un problema molto comune, soprattutto nelle persone che trascorrono molto tempo in luoghi chiusi e lontani da fonti di luce naturale. Per diagnosticare un livello basso di questa vitamina basta fare l’analisi del sangue, ma spesso i sintomi e le cause vengono ignorati. Con il tempo, trascurare questo disturbo può avere gravi conseguenze. Nei bambini, ad esempio, può provocare un ritardo della crescita, mentre negli adulti causa un aggravamento dell’osteoporosi. Per questo motivo, è importante imparare a conoscere i sintomi della carenza di vitamina D, cosa fare in questi casi, ma soprattutto come prevenirla per migliorare il proprio benessere.

Vitamina D: a cosa serve e perché è importante

Perché la vitamina D è così importante per il nostro benessere? Nel corpo questa sostanza ha il compito di regolare l’assorbimento del calcio, inoltre, rafforza il sistema immunitario e mantiene in equilibrioi livelli di fosforo e di calcio nel sangue. Diversamente da quanto accade per le altre sostanze, la vitamina D non viene assunta solo con l’alimentazione. Per coprire l’intero fabbisogno è importante esporsi alla luce del sole con regolarità, per consentire all’organismo di sintetizzarla. Ovviamente la dieta rimane un elemento chiave per evitare carenze. I cibi che contengono la vitamiana D sono in particolare le uova, i pesci grassi, come il salmone, le verdure a foglia verde e i latticini.

Vitamina D: i sintomi della carenza

Quali sono i sintomi della carenza di vitamina D? Un quantitativo insufficiente di questa sostanza provoca disturbi diversi, più o meno seri. Chi ne soffre avverte debolezza muscolare e dolore alle ossa, ma anche sudorazione eccessiva delle mani e sbalzi d’umore, con una tendenza alla depressione.

Vitamina D: rimedi contro la carenza e cosa fare

Qual è il fabbisogno di vitamina D? Sino a 50 anni ogni persona dovrebbe assumerne da 0,4 a 0,8 grammi. Una volta superata questa soglia d’età, il quantitativo arriva a 1 grammo al giorno. Cosa fare in caso di carenza? Per prima cosa è importante rivolgersi a un medico e svolgere degli accertamenti non appena si avvertono i primi sintomi. Di solito, il problema si può risolvere assumendo un integratore specifico durante i pasti per facilitare l’assorbimento della vitamina D.

In aggiunta a questi rimedi viene sempre consigliata un’esposizione regolare alla luce del sole per almeno 20 minuti al giorno, lasciando gambe, viso e braccia scoperte. Un’altra buona abitudine, che può risultare utile in questi casi, è quella di trascorrere del tempo all’aria aperta d’estate. Una corsa o una passeggiata nel verde sono il metodo migliore per contrastare la carenza di vitamina D e migliorare il proprio benessere.

Potrebbero interessarti anche