1. Home
  2. Salute
  3. Dove mi curo

Quali sono i sintomi da intossicazione da cozze?

Le cozze sono da sempre un piatto prelibato. Bisogna prestare però particolare attenzione, nel caso non siano fresche si rischia un'intossicazione alimentare

Dove mi curo

Le cozze sono un piatto estremamente gustoso, perfetto per ravvivare pranzi e cene nelle calde giornate estive. Questi molluschi possono essere infatti preparati in decine di modi differenti: gratinati,  accompagnati da pepe o limone, oppure insieme alla pasta.

Come tutti i tipi di pesce, tuttavia, c’è bisogno di molta attenzione quando si sceglie di consumare le cozze: per evitare inconvenienti, è assolutamente necessario che l’alimento sia fresco e controllato. In caso contrario, potrebbero infatti esserci anche gravi danni per la salute del consumatore. Prima di farvi prendere dal panico cerchiamo comunque di fare un po’ di chiarezza: ecco quali sono i sintomi e come va curata un’intossicazione da cozze.

Intossicazione da cozze: quando avviene

L’intossicazione da cozze avviene quando i molluschi che si stanno consumando non sono freschi o comunque non cucinati. Si tratta di organismi filtratori, che assorbono cioè tutto ciò che è presente nell’habitat in cui crescono.

Le cozze sono una vera e propria spugna di batteri e virus di diverso tipo, che possono essere eliminati in gran parte attraverso la cottura, oltre che dopo un’attenta e precisa pulizia del cibo.

Intossicazione da cozze: sintomi e dopo quanto tempo si manifesta

I sintomi che accompagnano l’intossicazione da cozze sono diversi, ma su tutti spiccano diarrea cronica accompagnata da vomito, nausea e forti crampi addominali. Nei casi più gravi si possono riscontrare anche disidratazione, vertigini e capogiri, debolezza, febbre o brividi e difficoltà a deglutire e parlare.

L’intossicazione da cozze si può manifestare anche poche ore dopo il consumo dell’alimento, al massimo il giorno successivo. In merito alla durata del disturbo, invece, solitamente non si protrae per più di dieci giorni.

Cosa fare in caso di intossicazione da cozze?

Se si avverte uno dei sintomi che abbiamo precedentemente elencato, è necessario immediatamente rivolgersi ad un esperto per avere un suo parere a riguardo.

Qualora si dovesse riscontrare la presenza di sangue nelle feci bisogna recarsi presso l’ospedale più vicino specificando l’accaduto: il vostro caso potrebbe infatti essere particolarmente grave.

Intossicazione da cozze: rimedi

Accertati della presenza di un’intossicazione da cozze, potete affidarvi anche ad alcuni rimedi naturali per migliorare le vostre condizioni.

  • Bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno o bevande idrosaline per ripristinare i sali minerali perduti e non avvertire malessere.
  • Preparare tre volte al giorno un infuso a base di coriandolo, zenzero e menta, fondamentale per attenuare il senso di nausea.
  • Fare uso di integratori a base di sali minerali, glucosio, e fermenti lattici per riequilibrare il tratto intestinale.
  • Passata la fase acuta è possibile tornare ad integrare gradualmente gli alimenti nella propria dieta. Inizialmente è comunque consigliato consumare cibi come riso, banane, pane tostato, mele, petto di pollo e uova sode. Dopo qualche giorno, quando non si avvertirà più alcun sintomo dell’intossicazione, si potrà procedere con l’usuale regime dietetico.

Potrebbero interessarti anche