1. Home
  2. Salute
  3. Case di riposo

Qual è il costo di una badante?

Stai pensando di assumere una badante ma non hai idea di quanto possa costare? Scopri in questo articolo quali sono i servizi più comunemente offerti e i loro prezzi

Case di riposo

Il lavoro, la famiglia, i figli: vite troppo frenetiche ci impediscono spesso di assistere i nostri genitori anziani come vorremmo. Eppure relegarli a una fredda casa di riposo quando l’unica cosa di cui avrebbero bisogno sono un po’ di compagnia e aiuto è un’idea poco allettante. In questi casi la soluzione migliore è rivolgersi ad una badante.

Esistono diversi tipi di figure, adatte sia a chi sta cercando una persona specializzata sia a chi è invece alla ricerca di qualcuno che si occupi di faccende domestiche e compagnia. Ma quanto costa assumere una badante? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sull’argomento.

Il contratto che regola il lavoro della badante

Innanzitutto le badanti sono inserite nella categoria dei lavoratori domestici, e quindi il loro rapporto di lavoro è disciplinato da un Contratto Collettivo Nazionale. Ciò significa che, come per tutti i lavoratori dipendenti, le retribuzioni sono liberamente negoziabili tra le parti solo al di sopra dei minimi retributivi. Allo stipendio base vanno aggiunti i contributi INPS/INAIL, il rateo delle ferie e della tredicesima, e il totale mensile sarà calcolato sulla base del contratto stipulato, a seconda che sia a tempo determinato o indeterminato.

Le tariffe delle badanti

Detto ciò, il costo di una badante dipende da quelle che sono le sue capacità e i suoi ruoli, oltre che dalla quantità di ore che dovrà trascorrere accanto alla persona assistita. Se avete bisogno di qualcuno che si limiti a tenere compagnia a una persona autosufficiente senza effettuare alcuna prestazione di lavoro, si parte da una retribuzione oraria di 5,39 euro. In questo caso, comunque, potresti anche informarvi sulle case albergo per anziani o sui centri diurni. Uno stipendio mensile full time, inclusi contributi e oneri a carico del datore di lavoro, si aggira intorno ai 1350 euro. Il costo scende però a 1230 circa se la badante è convivente, vive cioè sotto lo stesso tetto della persona che deve assistere.

Se avete bisogno di qualcuno che oltre ad assistere persone autosufficienti svolga anche delle attività di pulizia della casa, la retribuzione oraria si aggira intorno ai 6,06 euro. Per un full time mensile si superano quindi i 1500 euro, mentre si scende a 1387 per una badante convivente.

I costi lievitano ulteriormente se siete alla ricerca di qualcuno che si prenda cura di persone non autosufficienti: si parte da 6,74 euro ad ora per personale non specializzato e si arriva ad 8,12 per una badante formata appositamente per queste mansioni. Lo stipendio mensile di quest’ultima si aggira intorno ai 1100 euro per un part time e supera i 1900 per un full time. In caso di malattie degenerative importanti, è comunque d’obbligo informarsi sulle strutture assistenziali dedicate e professionali.

L’ultima opzione è quella invece di assumere una badante solo per gli orari notturni, cioè dalle ore 20.00 alle 8.00 del mattino. Lo stipendio base per il semplice presidio parte dai 920 euro circa e arriva invece a 1760 euro per una badante specializzata che debba assistere delle persone non autosufficienti.

Insomma, il costo di una badante non è proprio alla portata di tutte le tasche, ma è comunque inferiore a quello delle case di riposo: per un servizio di assistenza a persone autosufficienti, infatti, in queste strutture potrebbero chiedervi anche 1600 euro.

Potrebbero interessarti anche