1. Home
  2. Salute
  3. Dove mi curo

Ossigeno Ozonoterapia: in cosa consiste e per chi è indicata

L'ossigeno ozonoterapia è un trattamento medico che può aiutare nel trattamento di diversi disturbi e patologie: ecco a cosa serve, a chi è consigliato e quanto costa

Dove mi curo

L’ossigeno ozonoterapia è un trattamento medico efficace per ridurre il dolore e disinfiammare, così come la crioterapia utilizzata nel trattamento dei traumi e degli infortuni sportivi.

In questo articolo vedremo in quali casi l’ozonoterapia è utile.

Ossigeno ozonoterapia: cos’è?

É una terapia che utilizza come agente terapeutico l’ozono miscelato con ossigeno medicale.

L’ossigeno ozono terapia ha molti vantaggi. Riequilibra il sistema immunitario, interviene in casi di reazioni eccessive del corpo come le allergie, migliora il metabolismo cellulare, la circolazione sanguigna, il micro circolo capillare, scioglie i grassi e disinfiamma i muscoli contratti. É una buona soluzione alla resistenza dei batteri agli antibiotici in quanto può distruggere anche i ceppi batterici più complessi.

L’ozono è un gas che si forma naturalmente nell’atmosfera: delle scariche elettriche modificano la struttura dell’ossigeno (O2) in ozono (O3). Quindi una molecola di ozono è composta da 3 atomi di ossigeno. Uno di questi atomi è instabile e tende a separarsi dagli altri due. Proprio questa instabilità rende l’ozono benefico.

Nulla distrugge batteri, muffe e funghi come l’ozono: attacca la loro struttura e li annienta. Penetra i virus, li danneggia e ne impedisce la proliferazione. In sintesi, nessun virus, fungo o batterio può resistere a lungo a una dose adeguata di ozono somministrata nei tempi giusti.

Ossigeno ozonoterapia: a cosa serve?

Le patologie che vengono trattate con l’ossigeno-ozono terapia sono moltissime. Vediamo le principali:

  • Ernia del disco: le ernie cervicali, dorsali e lombari comprimono le radici dei nervi nelle vertebre. In caso di ernia del disco l’ossigeno ozonoterapia può portare alla guarigione: l’ernia secca, si riduce e la compressione sulla vertebra diminuisce;
  • Cellulite: è il trattamento principe per eliminare la cellulite. L’ossigeno ozonoterapia scinde gli acidi lunghi grassi e riattiva il micro-circolo rendendo la gamba leggera e sgonfia. Una valida alternativa dunque alla più invasiva mesoterapia;
  • Fibromialgia: è una patologia che colpisce principalmente le donne. La diagnosi non è semplice perché può essere confusa con altre malattie. L’ossigeno ozonoterapia riduce la fibromialgia perché migliora il micro-circolo sanguigno e l’ossigenazione cellulare, quindi disinfiamma e fa diminuire il dolore. Può essere d’aiuto anche nel trattamento delle malattie miotoniche;
  • Dolore cervicale e lombare: causa cefalee, nausea, dolore, bruciore e spesso si irradia a braccia e spalle. Il dolore lombare può essere localizzato o diffuso e degenerare in lombosciatalgia. Il trattamento con l’ozono aiuta a disinfiammare i tessuti e a far passare il dolore, anche cronico, anche in caso di cervicale infiammata;
  • Acne: è una malattia della pelle che si manifesta principalmente sul viso con pustole, punti neri e noduli. L’ozono terapia è efficace perché combatte e distrugge microbi e batteri ed è dunque uno dei rimedi per eliminare i brufoli;
  • Adiuvante nella chemioterapia e nella radioterapia: la chemio rallenta o arresta l’avanzare dei tumori, ma potrebbe distruggere anche cellule “buone”. L’ozonoterapia ripulisce il sangue dalle tossine e può contrastare le intossicazioni derivate dai farmaci;
  • Arteriopatie delle zone periferiche: le arterie degli arti sono ostruite a causa di placche arteriosclerotiche o emboli. In alcuni casi l’ozonoterapia migliora l’ossigenazione dei tessuti ischemici;
  • Artrosi: colpisce il 10% della popolazione e addirittura il 50% degli ultra-sessantenni. É una malattia degenerativa e progressiva delle articolazioni.
  • Cefalee: sono tutte le forme di dolore alla testa dovute a cause vascolari o di tensione muscolare. L’ozono disinfiamma e diminuisce il dolore anche delle emicranie con aura;
  • Infezioni ginecologiche e delle vie urinarie: l’ossigeno ozonoterapia è molto efficace per debellare i microbi e i virus presenti nelle mucose. Riequilibra il sistema immunitario e tratta con successo vaginiti, uretriti, herpes, dispareunia e cistiti;
  • Insufficienza venosa: è un difficoltoso ritorno del sangue verso il cuore. L’ozono terapia è efficace e normalmente ben tollerata. Prevede un modesto prelievo di sangue che viene ozonizzato e successivamente iniettato nell’organismo;
  • Malattie neurovascolari: L’ossigeno ozonoterapia è molto utile nel trattamento post infarto e post ictus. Migliora le facoltà cognitive, la coordinazione motoria e la deambulazione;
  • Affaticamento cronico: in Italia colpisce circa 300 mila persone. Si manifesta con stanchezza, scarsa concentrazione, dolore ai muscoli, alle articolazioni e mal di testa. L’ozono allevia il dolore muscolare e articolare, riduce la sensazione di spossatezza e migliora la capacità di concentrazione.
  • Dolore post operatorio: il dolore post operatorio può insorgere a causa di stati infiammatori. L’ozono disinfiamma e migliora la circolazione sanguigna, riducendo il dolore;
  • Helicobacter Pilori: è un batterio che prolifera nello stomaco e è causa della maggior parte delle patologie gastriche. Causa infiammazioni e erosioni alla mucosa. Grazie all’ossigeno ozono terapia si può debellare in 15 giorni senza antibiotici.

Come viene somministrato l’ozono?

L’ozono terapia viene somministrata esclusivamente da un medico che ha seguito un corso di ozono terapia e sostenuto un esame. Applicherà i protocolli approvati dalla Società Scientifica di Ossigeno Ozono Terapia (Sioot) e dal Ministero della Salute.

I metodi di somministrazione sono diversi:

  • Iniezioni di ossigeno-ozono sottocutanee, intramuscolari e intra articolari: è uno dei metodi più comuni. La miscela viene iniettata con una piccola siringa in diverse zone del corpo in base alla patologia da curare;
  • Insufflazioni di ossigeno-ozono rettali, anali, vaginali, uterine e uretrali: l’ozono è introdotto attraverso dei piccoli cateteri: entra in contatto con tessuti infiammati, irritati o doloranti;
  • Grande autoemoinfusione: si prelevano 100 o 200 centilitri di sangue che viene mescolato a una miscela di ossigeno-ozono poi reintrodotta nell’organismo per via endovenosa;
  • Piccola autoemoinfusione: il meccanismo è il medesimo, ma il sangue prelevato è pochissimo. È arricchito con la miscela di ossigeno e ozono e iniettato nel corpo con una iniezione intramuscolare;
  • Via topica: la parte da trattare viene avvolta in un sacchetto di materiale plastico in cui viene fatto affluire l’ozono. Si applica su mani, braccia, piedi e gambe;
  • Trattamento idroterapico: il paziente beve regolarmente acqua addizionata con ozono;

É vietato iniettare l’ozono direttamente in vena e l’inalazione è sconsigliata. Può causare effetti collaterali.

Ossigeno ozonoterapia: quanto costa?

Il costo dell’ossigeno ozonoterapia varia in base alla patologia da trattare e al numero delle sedute. In media la prima visita costa circa 120 euro, mentre le successive 70 euro. Ti consigliamo di chiedere a un medico della tua zona per avere un prezzo preciso. Tieni conto che il prezzo è dato dall’alto costo della macchina per produrre l’ozono, dai costi di manutenzione e dal quello della bombola di ossigeno.

Sei affetto da una delle patologie che abbiamo citato o pensi che l’ozono terapia possa alleviare il dolore che stai provando? Rivolgiti a un medico che pratica ossigeno ozonoterapia per un consulto.

Potrebbero interessarti anche