1. Home
  2. Salute
  3. Medicina specialistica

Malattie degli occhi: quali sono le principali?

Quali sono le principali malattie degli occhi? Ecco come riconoscerle per prevenirle o curarle. Scopri cosa bisogna sapere su PG magazine

Medicina specialistica

Dai difetti refrattivi della vista alle infiammazioni, fino a vere proprie patologie e malattie degli occhi, quando ci si accorge che la vista diminuisce è sempre meglio rivolgersi a uno studio oculistico per una diagnosi corretta.

Ecco che cosa comportano le principali malattie degli occhi e come sono classificate.

Difetti refrattivi della vista

I difetti refrattivi sono causati da una non perfetta formazione anatomica della cornea, del cristallino o del bulbo oculare. Per questo motivo la rifrazione della luce non avviene nella maniera corretta e si hanno difetti visivi. I più frequenti sono astigmatismo, miopia, ipermetropia.

La miopia è causata dalla forma allungata del bulbo oculare: per questo motivo la messa a fuoco avviene troppo vicino alla retina e gli oggetti lontani appaiono sfuocati. Questo difetto può essere corretto con lenti a contatto oppure occhiali, ma anche con l’intervento per una risoluzione definitiva.

L’ipermetropia, invece, è dovuta al fatto che il bulbo oculare è più corto del normale. In questo caso la rifrazione della luce non avviene nel punto corretto, ma dietro alla retina con conseguente difficoltà della messa a fuoco. Anche in questo caso, oltre alle lenti, si può intervenire con la chirurgia.

L’astigmatismo trae origine da un difetto della cornea che non ha la corretta sfericità. Di conseguenza, l’immagine appare sfuocata sia da vicino sia da lontano, con fenomeni di sdoppiamento. Per l’astigmatismo si può intervenire con occhiali o apposite lenti a contatto toriche.

La presbiopia, invece, non è un vero e proprio difetto refrattivo. Si verifica col passare degli anni a seguito della perdita di elasticità del cristallino e conseguente difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti vicini.

I difetti di rifrazione possono essere tra le cause del cosiddetto occhio secco o dell’ambliopia. L’occhio secco è una patologia dell’occhio per la quale gli occhi non si trovano in asse tra di loro e il cervello progressivamente tende a escludere le informazioni che gli arrivano da uno dei due occhi. Un’altra causa della ambliopia è lo strabismo: si verifica quando i muscoli non riescono a mettere a fuoco nello stesso modo e trasmettono due immagini in contrasto al cervello.

Malattie delle palpebre: quali sono?

Le malattie delle palpebre sono malattie che attaccano sia la parte esterna sia la parte interna delle stesse. Tra queste le più diffuse sono: blefarite, ptosi e orzaiolo.

La blefarite è un’infiammazione dell’occhio, talvolta accompagnata da presenza di squame e residui oleosi sulle palpebre. Esistono tre forme diverse di blefarite che possono comportare occhi rossi, presenza di squame, gonfiore. Le cause sono molte e comprendono l’uso scorretto delle lenti, allergie, eczemi, affaticamento visivo, diabete.

L’orzaiolo è un ascesso dovuto alla infiammazione di una ghiandola presente nel bordo della palpebra. Possono verificarsi sia orzaioli interni, sia orzaioli esterni. Oltre a impacchi con acqua calda, viene curato con pomate. Solo in alcuni casi si deve ricorrere all’intervento chirurgico.

Infine, la ptosi si verifica quando entrambe le palpebre risultano più abbassate della norma. Si tratta di un difetto congenito, ma anche acquisito per problemi muscolari.

Patologie oculari: come riconoscerle

Le patologie oculari sono parecchie e hanno caratteristiche e livelli di gravità diversi. Esse comprendono patologie della retina e patologie della cornea.

Tra le patologie a carico della retina ci sono il distacco della retina, la degenerazione maculare senile, la retinopatia diabetica e il foro maculare.

Invece, le patologie della cornea più conosciute sono la cheratite e il cheratocono. Se la cheratite è un’infiammazione della cornea causata da agenti esterni (come l’esposizione ai raggi UVA, la presenza di miceti o batteri, etc.), il cheratocono è una malattia che deriva da una congiuntivite allergica (53% dei casi) oppure è di origine genetica.

La cataratta, invece, è una patologia a carico del cristallino. Esso si opacizza non permettendo la corretta rifrazione della luce. Accanto alla cataratta senile, si registrano anche forme infantili e giovanili.

Con glaucoma si intendono una serie di patologie a carico del nervo ottico. Se non curate in tempo, possono dare luogo a fenomeni di ipervisione o, al contrario, a cecità.

Potrebbero interessarti anche