1. Home
  2. Salute
  3. Ottica

Lenti a contatto toriche: cosa sono e a che cosa servono

In base al difetto di vista e alle sue peculiarità si possono utilizzare diversi tipi di lenti: le lenti a contatto toriche sono quelle dedicate a chi è astigmatico, scopriamole

Ottica

Grazie alla tecnologia ottica moderna, oggi disponiamo delle lenti a contatto toriche, apposite per gli astigmatici. Fino a qualche anno fa, infatti, per chi era affetto da astigmatismo non c’era altra soluzione se non quella di indossare gli occhiali o delle lenti a contatto giornaliere rigide, poco pratiche e fastidiose all’interno dell’occhio.

Dunque, cosa sono le lenti a contatto toriche? Perché si chiamano così?

Chi soffre di astigmatismo ha una conformazione fisica del bulbo diversa dal solito. La cornea ha una forma ovalizzata che si definisce toroidale, responsabile del difetto di vista. Le lenti a contatto in questione seguono la forma particolare del bulbo e ne risolvono il problema di messa a fuoco delle immagini.

Lenti a contatto toriche: come si mettono?

Questo tipo di lenti sono un prodotto particolare e speciale, ma questo non significa che l’applicazione delle lenti a contatto toriche sia diversa rispetto alle altre. Esse, infatti, vanno applicate all’occhio nella stessa maniera. Le mani devono essere sempre ben pulite per evitare infezioni batteriche dell’occhio.
Trascinando con l’anulare la rima palpebrale inferiore verso il basso e sollevando con il medio la palpebra mobile, con l’indice dell’altra mano si inserisce la lente sull’occhio. Di norma, o si fissa lo specchio o è consigliato rivolgere lo sguardo verso l’alto. Sbattendo delicatamente le palpebre, le lenti si posizionano correttamente da sole.

La rimozione si fa sempre con le mani ben pulite. Il procedimento è lo stesso, ma al contrario, trascinando, con l’anulare, la lente verso l’esterno dell’occhio. Le lenti vanno pulite e sistemate nel contenitore apposito e immerse nel liquido di conservazione, facendo sempre ben attenzione a distinguere destra e sinistra anche se di pari gradazione.

Tipologie di lenti a contatto toriche

Le lenti a contatto toriche non sono tutte uguali: cambiano le case di produzione e cambiano le caratteristiche che ne fanno prodotti più o meno duraturi. Come per le lenti classiche, anche per queste ci sono modelli giornalieri, bisettimanali, mensili.

  • Le lenti a contatto giornaliere toriche sono per chi soffre di allergie o ha occhi molto delicati poiché garantiscono maggior protezione dalle infezioni. Sono anche la soluzione perfetta per chi non ha tempo di curarsi delle lenti e preferisce gettarle via a fine giornata o per chi pratica attività sportiva e non vuole acquistare occhiali da vista specifici per lo sport.
  • Le lenti a contatto mensili toriche o bisettimanali richiedono più manutenzione, ma presentano la stessa efficacia. Chi utilizza tutti i giorni le lenti e non ha particolari problemi preferisce questo tipo alle monouso anche perché il risparmio non è poco.
  • Accanto a queste tipologie classiche ci sono anche lenti particolari come le lenti colorate per variare il colore dell’iride o quelle per la correzione dei problemi di percezione del colore, come il daltonismo.
  • Le lenti toriche multifocali, invece, al pari degli occhiali con lenti multifocali, servono per correggere anche l’ametropia che di solito compare insieme all’astigmatismo.
  • Le lenti intraoculari, infine, sono dispositivi chirurgici utilizzabili nella correzione dei problemi di vista conseguenti alla cataratta.

Potrebbero interessarti anche