1. Home
  2. Salute
  3. Medicina specialistica

Ischemia cerebrale: sintomi, cause e prevenzione

L'ischemia cerebrale può avere gravi conseguenze: ecco come riconoscere i sintomi e prevenire questa patologia

Medicina specialistica

L’ischemia cerebrale è l’interruzione del flusso sanguigno al cervello. Questo fenomeno può portare a gravi conseguenze, ecco come riconoscere i sintomi e come prevenire questa patologia.

Ischemia cerebrale: cos’è

L’ischemia cerebrale è una patologia che si basa sull’interruzione del flusso sanguigno verso il cervello. Come ogni organo, infatti, il cervello necessita del sangue per funzionare. Il sangue trasporta ossigeno e nutrimento indispensabili per poter svolgere le proprie funzioni.

Se per diverse motivazioni il flusso sanguigno dovesse bloccarsi il cervello subirebbe un’ischemia e quindi soffrire di questa improvisa mancanza.

I sintomi iniziali dell’ischemia cerebrale possono essere differenti e durare da pochi attimi fino a 24 ore. In questo caso spesso l’ischemia viene definita ictus, una malattia più complessa che colpisce il cervello. Anch’esso nasce da un problema circolatorio, per questo motivo le due patologie sono spesso collegate.

I sintomi iniziali dell’ischemia cerebrale

Come per ogni malattia, anche per l’ischemia cerebrale i sintomi posso variare da persona a persona. Sono diversi gli elementi che possono determinare i sintomi di questa patologia, tra questi la presenza di malattie cardiovascolari, l’età, l’alimentazione – magari puntando sui cibi più sani –  e molti altri fattori.

Tra i sintomi premonitori dell’ischemia cerebrale più comuni ci sono però diversi disagi:

  • difficoltà a muoversi, a parlare o a coordinare i movimenti;
  • problemi alla vista, come visione doppia o progressiva cecità a un occhio (da non confondere con un possibile nervo ottico infiammato);
  • fastidio o senso di debolezza a un arto;
  • perdita di conoscenza.

Per verificare la possibilità che l’ischemia cerebrale sia in corso possono essere usati diversi esami e metodi. I più utilizzati sono: analisi di laboratorio, ecocardiogramma, misurazione della pressione e del ritmo cardiaco, ECG, Tac o RMN.

Cause dell’ischemia

La principale causa dell’ischemia cerebrale è quindi l’interruzione del flusso sanguigno al cervello. Senza il sangue il cervello non può svolgere le funzioni vitali in quanto non riceve ossigeno e le sostanze necessarie.

Tra le cause dell’ischemia cerebrale rientra l’ostruzione di un vaso sanguigno, che può essere embolica o trombotica. L’ostruzione embolica prende il nome da un embolo presente nel corpo e che attraverso l’apparato circolatorio raggiunge il cervello.

Nel caso di un’ostruzione trombotica invece si crea un coagulo definito trombo che interrompe il flusso sanguigno.

Come prevenirla

Prevenire un’ischemia cerebrale non è semplice ma è possibile. I soggetti che soffrono di pressione arteriosa, malattie cardiovascolari o che hanno un alto livello di colesterolo sono i più sensibili a questa patologia.

Può essere di aiuto evitare cibi troppo grassi o ricchi di conservanti artificiali, non fumare e adottare uno stile di vita sano.

Costanti controlli, come l’elettrocardiogramma o il controllo della pressione arteriosa, possono essere molto utili per prevenire o individuare anticipatamente una patologia come l’ischemia cerebrale.

Il nostro consiglio è quello di consultare un medico per maggiori informazioni e per la prescrizione di visite di controllo.

Potrebbero interessarti anche