1. Home
  2. Salute
  3. Omeopatia

I rimedi naturali per il raffreddore nel neonato

Il raffreddore nei neonati compare anche 7/8 volte l'anno soprattutto nei cambi di stagione. Che cosa bisogna fare per intervenire? Ecco qualche rimedio naturale efficace

Omeopatia

Molto spesso, soprattutto durante i cambi di stagione o nei freddi mesi invernali, i neonati contraggono alcuni piccole infezioni che si possono debellare utilizzando semplici rimedi naturali e curare con l’omeopatia. Il raffreddore nel neonato può essere molto frequente e fastidioso perché impedisce al bambino di riposare serenamente e di vivere a pieno la sua giornata: ecco che cosa fare per liberare le vie aeree senza l’uso di medicinali.

Raffreddore nel neonato: come debellare l’infezione

Il raffreddore nel neonato causa naso chiuso, tosse, mal di gola e talvolta febbre che impediscono di trascorrere la giornata serenamente e di dormire sonni tranquilli. Per far guarire il bambino da questa infezione non bisogna utilizzare farmaci specifici, anche generici, ma dei rimedi naturali.

Il raffreddore è l’infezione più frequente delle alte vie respiratorie ed è causata da vari virus, appartenenti nella maggior parte dei casi alla famiglia dei rinovirus. Perché i neonati lo contraggono spesso? Perché non hanno ancora sviluppato un sufficiente numero di anticorpi. Si stima infatti che ogni anno i bambini in media abbiano 6-8 episodi di raffreddore, soprattutto durante la stagione invernale o durante i cambi stagionali.

Per eliminare il raffreddore nel neonato i rimedi naturali sono un autentico toccasana: oltre ad usare la soluzione fisiologica per tenere pulito il nasino soprattutto prima dei pasti, si possono mettere in pratica altri rimedi.

Eccone alcuni:

  • incoraggiare il bambino a bere tanto, sia acqua che latte, perché lo aiuterà a guarire più facilmente;
  • un bagno di vapore può rivelarsi molto utile per liberare le vie aeree, ma bisogna stare attenti a evitare che il bambino si bruci il viso;
  • infine, alla domanda cosa fare in caso di raffreddore nel neonato, un altro consiglio utile è usare il deumidificatore nelle stanze di casa. L’aria secca e calda di certi ambienti chiusi asciuga le mucose e favorisce la formazione di croste, che tappano ancor di più il naso.

Quanto dura il raffreddore nel neonato?

Una delle domande che le mamme rivolgono più spesso al loro pediatra di fiducia è quanto dura il raffreddore nel neonato: in genere, entro cinque – dieci giorni, applicando i rimedi naturali consigliati, le vie aeree del bambino torneranno libere.

Ma se l’infezione procede più a lungo è necessario intervenire, ecco quando preoccuparsi per il raffreddore nel neonato:

  • se sale una febbre molto alta e persistente;
  • se il bambino oltre a toccarsi il naso, si sfrega anche le orecchie dimostrando segni di forte fastidio;
  • se il muco si manifesta di colore verde o marrone;
  • se il neonato ha meno di 3 mesi, il raffreddore che non passa può trasformarsi in una bronchiolite e bisogna assolutamente evitare questo rischio, intervenendo al più presto.

Il raffreddore nel neonato non è assolutamente una patologia grave, ma è importante tenerla monitorata e intervenire nel modo adeguato, rivolgendosi sempre al proprio medico di fiducia e tenendolo aggiornato sul corso della malattia. Seguendo alcuni semplici consigli infatti il bambino potrà tornare a respirare senza alcun tipo di fastidio, riprendendo le sue attività quotidiane e riposando in modo sereno e tranquillo.

Potrebbero interessarti anche