1. Home
  2. Salute
  3. Cura dei denti

Che cos'è e come si cura il granuloma dentale

Il granuloma dentale è un'infezione cronica che non va sottovalutata: ecco tutto quello che bisogna sapere

Cura dei denti

Il mal di denti non è mai una cosa piacevole. Chi ne soffre non riesce ad affrontare la giornata senza antidolorifici e spesso non riesce a svolgere le normali attività quotidiane. Questo malessere, infatti, spesso e volentieri è così forte che alla fine fa accusare anche altri disturbi, come il fastidiosissimo mal di testa. Un tipo di infezione ai denti molto diffusa è il granuloma dentale: andiamo a vedere di cosa si tratta.

Che cos’è il granuloma dentale?

Il granuloma dentale è un’infiammazione cronica che interessa l’apice radicale e i tessuti circostanti. A volte può essere difficile da individuare, perché spesso inizia senza sintomi. Le persone, quindi, non accorgendosi dell’infiammazione in corso, non riescono a correre per tempo ai ripari. E questo può essere un problema, perché il granuloma dentale raggiunge in poco tempo la sua fase più acuta.

Il granuloma dentale, che molti erroneamente pensano essere un tumore, è la conseguenza di carie non curate, fratture o scheggiature dentali che non sono mai state riparate dal dentista. Ma anche di altri fattori, come:

  • pulpiti
  • necrosi pulpare
  • traumi dentali
  • operazioni dentali mal riuscite
  • piorrea dentale
  • lacerazione della gengiva
  • agenti chimici irritanti

Il granuloma dentale si presenta quasi senza sintomi – non ci sono episodi di dolore acuto che fanno capire alla persona che c’è qualcosa che non va, tuttavia anche gli acufeni possono essere correlati all’infiammazione mandibolare e al granuloma –, ma si diffonde rapidamente. Si estende infatti alla polpa causando l’infiammazione del nervo dentale e la sua necrosi. Per questo il granuloma dentale non è affatto da sottovalutare.  Alcune delle conseguenze immediate dell’acutizzarsi del granuloma dentale sono gli ascessi e le fistole.

I tre tipi di granuloma dentale

Il granuloma dentale può essere di tre tipologie differenti:

  • granuloma dentale semplice
  • granuloma ascessualizzato
  • granuloma supporato

Il granuloma dentale semplice è quello più diffuso: in genere le persone accusano questo tipo di infiammazione e non le altre due tipologie, decisamente più rare. Si caratterizza per una formazione tonda intorno alla radice dell’apice.

Il secondo tipo invece, il granuloma ascessualizzato, consiste in un ascesso cronico che si crea all’interno di un granuloma dentale.

Il più pericoloso è il terzo tipo di granuloma, quello supporato. In questo caso l’infiammazione è in uno stato molto avanzato, cosa che comporta un fortissimo ascesso dentale.

Come si cura il granuloma dentale?

Cosa fare in caso di granuloma dentale? Ovviamente bisogna recarsi immediatamente dal medico, che saprà valutare il grado dell’infiammazione e il tipo di terapia da applicare in questi casi. Contrariamente a quanto si possa pensare, di solito non vengono prescritti gli antibiotici: il motivo sta nel fatto che, trattandosi di un’infezione cronica, sarebbero inutili. Solitamente il dottore consiglia di devitalizzare il dente oppure di rimuovere direttamente l’apice. Solo nei casi più gravi di granuloma dentale viene estratto il dente nella sua interezza.

Nonostante il granuloma dentale non causi dolore – almeno inizialmente – alla persona che ne è affetta, non va assolutamente ignorato o sottovalutato. Se l’infezione dovesse espandersi troppo, infatti, potrebbe non solo far andare i tessuti in necrosi, ma causare anche setticemia all’interno della bocca. Un’ipotesi decisamente da scongiurare.

Non esistono rimedi naturale per lenire o curare il granuloma dentale. A differenza di altre infezioni, infatti, può essere risolta solo grazie all’aiuto competente di un medico anche se, in caso di ascesso, è possibile alleviare il dolore con una borsa del ghiaccio premuta sulla parte dolorante.

Potrebbero interessarti anche