1. Home
  2. Salute
  3. Fisioterapia

Ginnastica Antalgica: in cosa consiste e a chi è consigliata

La ginnastica antalgica è un vero e proprio toccasana a tutte le età, ma soprattutto per gli anziani e per chi ha bisogno di risolvere dolori alla schiena

Fisioterapia

Mente sana in un corpo sano: già gli antichi romani sapevano che era fondamentale la cura del corpo. Oggi più che mai, con le nostre vite sempre più sedentarie, diventa necessario fare un po’ di movimento.

Non c’è bisogno di esagerare, basta un po’ di ginnastica antalgica regolarmente 2 o 3 volte a settimana per provare subito i benefici.

Cosa significa ginnastica antalgica?

La ginnastica antalgica è una disciplina che si basa su movimenti dolci, finalizzati al miglioramento della postura e alla prevenzione di sintomi che disturbano la normale funzionalità della struttura fisica. È quella che comunemente si chiama ginnastica dolce e spesso è intrecciata con la ginnastica posturale, dopo vedremo in che modo.

Per chi è consigliata?

La ginnastica antalgica è consigliata sicuramente per tutte le patologie causate dall’invecchiamento, come artrite, lombalgia, osteoporosi e artrosi, sia per gli uomini che per le donne. Non c’è bisogno che insorga una patologia, è adatta anche per tutte le persone in età adulta – o anche giovani poco allenati – che desiderano migliorare il proprio corpo, il proprio tono muscolare e resistenza fisica.

Non c’è da aggiungere poi che una sana attività fisica consente di ridurre stress e stati d’ansia e migliora l’umore. Inoltre è consigliata per dimagrire in menopausa.

La ginnastica antalgica posturale

Come dicevamo prima, questo tipo di ginnastica non compromette funzioni dell’apparato scheletrico o muscolare, anzi, le migliora, aiutando a prevenire vari dolori causati dalla vita sedentaria o dall’età: per questo spesso viene utilizzata come ausilio alla fisioterapia e riabilitazione – per esempio dopo un incidente – nonché come ginnastica posturale. Ma è utile anche per rinforzare la muscolatura nell’anziano e prevenire le cadute.

Attraverso esercizi mirati per la ginnastica antalgica posturale si può quindi assumere e mantenere la corretta postura. Nello specifico bisogna concentrarsi prima sulla respirazione e sul rilassamento, poi passare allo stretching e infine potenziare i muscoli addominali e dorso-lombari in primis e gli altri poi.

Qualche esercizio

Per eseguire gli esercizi di ginnastica antalgica posturale non è necessario andare in palestra, possiamo allenarci comodamente da casa.

Ecco qua qualche esercizio: prima di cominciare sdraiati supino con la schiena più aderente possibile al pavimento e le gambe al 90° poggiate al muro: in questo modo inizierai a distendere tutta la muscolatura.

Stando a 4 zampe spingi prima il petto a terra, poi spingi la colonna vertebrale più in alto possibile, creando un arco con la schiena.

Sdraiato supino, avvicina un ginocchio al petto, abbraccialo e spingilo più possibile verso di te, da ripetere con entrambe le gambe.

Rimanendo in questa posizione, stendi una gamba alla volta e cerca di toccarla con il braccio opposto.
Fai dei piccoli squat controllati per rinforzare le gambe.

La ginnastica antalgica in acqua

Un altro modo per praticare la ginnastica antalgica è in acqua: in assenza di peso sarà molto più facile eseguire gli esercizi per il nostro benessere. Ovviamente in questo caso è necessario – a meno che non si ha una piscina in casa – recarsi presso strutture che praticano la disciplina, facendo esercizi con difficoltà e intensità progressiva e utilizzando dove necessario degli attrezzi.

I benefici non tarderanno a farsi sentire.

Potrebbero interessarti anche