1. Home
  2. Salute
  3. Ottica

Fluorangiografia: come si svolge questo esame oculistico?

La fluorangiografia è un esame diagnostico che permette all'oculista di rilevare la presenza di anomalie oculari. Ecco come si svolge e quanto costa

Ottica

La fluorangiografia è un esame oculistico che consente di diagnosticare le patologie vascolari dell’occhio, come retinopatie e occlusioni vascolari. Questa si esegue iniettando per via endovenosa un liquido colorante, la fluoresceina sodica, e utilizzando un apposito strumento che, senza entrare in contatto con l’occhio del paziente, consente di avere un’immagine dettagliata dello stesso e di individuare eventuali anomalie a livello vascolare.

Vediamo più nel dettaglio come si svolge l’esame e quando questo si rende necessario.

A cosa serve la fluorangiografia?

La fluorangiografia permette di verificare se all’interno dell’occhio ci sono anomalie dei vasi sanguigni o formazioni di neovasi e di misurare la velocità del sangue. Il colorante iniettato per via endovenosa consente infatti di mettere in evidenza la presenza di edemi, ossia accumuli di fluido all’interno della retina, o la presenza di degenerazioni maculari e formazione di nuovi vasi sanguigni, problema quest’ultimo frequente nei diabetici.

Questo esame rappresenta un importante strumento diagnostico per l’oculista, in quanto consente di individuare numerose patologie oculari, tra cui:

  • retinopatia diabetica;
  • degenerazione maculare;
  • patologie infiammatorie, infettive o traumatiche;
  • edema del disco ottico;
  • edema maculare cistoide;
  • trombosi;
  • macroaneurismi retinici;
  • tumori coroideali;
  • emorragie.

Qualora vi siano dubbi sulla buona vascolarizzazione dell’occhio e si ritiene che il paziente possa essere affetto da condizioni di questo genere, la fluorangiografia, o angiografia con fluoresceina, risulta essere uno degli esami più completi ed efficaci per effettuare una corretta diagnosi.

Fasi della fluorangiografia

La fluorangiografia non richiede particolari precauzioni, se non un’analisi da parte del medico della storia clinica del paziente, con l’esecuzione di esami preliminari come l’emocromo, il quadro proteico, la glicemia, la creatinemia e l’ECG e l’esclusione di eventuali allergie al fluido colorante. L’esame inoltre va eseguito a digiuno.

Una volta superata la fase preliminare, il paziente viene fatto accomodare nell’apposita sala in cui l’operatore inietterà per via endovenosa il liquido colorato necessario per evidenziare i vasi sanguigni e provvederà alla dilatazione della pupilla. A questo punto, mediante uno strumento chiamato fluorangiografo si registreranno immagini in sequenza del fondo oculare per circa 5 minuti.

È possibile effettuare la fluorangiografia senza mezzo di contrasto?

La fluorangiografia senza mezzo di contrasto, chiamata angiografia OCT, è oggi un’importante realtà nell’ambito della diagnostica oculistica. Questa permette infatti di ottenere gli stessi risultati dell’angiografia con fluoresceina senza iniezione del liquido colorato, riducendo rischi, costi e tempi di esecuzione dell’esame. Non utilizzando il mezzo di contrasto, inoltre, l’angiografia OCT può essere eseguita da tutti i pazienti, inclusi bambini, donne in gravidanza e soggetti affetti da altre patologie importanti.

È tuttavia importante che lo specialista indichi al paziente a quale delle due tecniche ricorrere in quanto la fluorangiografia può essere necessaria per indagare specifiche patologie che l’angio OCT potrebbe non rilevare in maniera accurata.

Quando si esegue l’ecografia oculare?

A differenza della fluorangiografia, l’ecografia oculare è un esame che utilizza gli ultrasuoni per studiare le strutture interne dell’occhio. Gli ultrasuoni, in pratica, rimbalzando sui tessuti consentono di ottenere delle immagini accurate degli stessi. L’esame, che non è invasivo e si esegue mediante una sonda collegata all’ecografo e poggiata sulla palpebra per effettuare la registrazione delle immagini, consente di indagare le strutture oculari intrabulbari e di studiare le patologie che interessano le strutture orbitarie.

Fluorangiografia: qual è il costo dell’esame?

La fluorangiografia è un esame piuttosto economico, che può essere eseguito sia in ospedale, pagando soltanto il ticket previsto dietro presentazione di prescrizione del medico di base, o presso studi oculistici privati. Generalmente il costo dell’esame da privati, che presenta tempi minori di attesa, si aggira intorno ai 100 Euro.

Potrebbero interessarti anche