1. Home
  2. Salute
  3. Omeopatia

Fiori di Bach Rescue Remedy: che cos’è e quando si utilizza

Scopriamo che cos’è il Rescue Remedy dei fiori di Bach, quali sono le sue proprietà benefiche e se esistono effetti collaterali per chi lo utilizza.

Omeopatia

I fiori di Bach sono, ormai da molti anni, la risposta omeopatica più popolare ai problemi di ansia, nervosismo e malessere psicologico, unitamente i fiori australiani, molto in voga in quest’ultimo periodo. Per far fronte alle situazioni più critiche, il medico britannico Edward Bach ha realizzato quello che oggi viene chiamato Rescue Remedy, ovvero un rimedio d’emergenza pensato per contrastare i momenti di forte shock emotivo.

Il Rescue Remedy di Fiori di Bach è dunque una miscela di 5 dei 38 fiori di Bach presenti nel compendio del dottore, e funge da pronto soccorso emotivo rivolto a manifestazioni acute di un disturbo psicologico, ma anche fisico. Il Rescue Remedy è costituito dai seguenti fiori di Bach:

  • Star of Bethlehem, un fiore che combatte gli stati di agitazione e lo shock improvviso e imprevedibile;
  • Rock Rose, un fiore che per sua natura viene utilizzato per combattere il panico e il terrore;
  • Impatiens, utilizzato per ripristinare la calma e il controllo delle emozioni;
  • Clematis, utilizzato per contrastare la sensazione di svenimento;
  • Cherry Plum, ideale per contrastare la sensazione di aver perso il controllo della situazione.

Il Rescue Remedy placa lo stato di ansia provocato da un esame all’università, un discorso in pubblico, un divorzio, una lite o addirittura un lutto. Si utilizza per calmare quella sensazione di impotenza derivata da una brutta esperienza o una vita che non soddisfa, e può, in alcuni casi, ritardare o sedare un attacco di panico che sta per manifestarsi. Il Rescue Remedy funziona dunque per calmare gli stati ansiosi e lenire la preoccupazione, sia che essa provenga da fatti eccezionali che delle piccole incombenze della vita, talvolta capaci di metterci in un profondo stato di agitazione.

Il Rescue Remedy viene solitamente prodotto in forma liquida, ma esistono molte varianti in forma di pomata, compressa e caramella. Per l’assunzione, basterà seguire le istruzioni presenti sulla confezione: in generale il Rescue Remedy liquido va depositato, 4 gocce per 4 volte al giorno, direttamente sotto la lingua. Lì i fiori libereranno i loro effetti in maniera graduale, ma costante. Gli esperti conoscitori delle proprietà del Rescue Remedy traggono i suoi benefici anche solo dal portarlo sempre nella borsa. Questo, proprio perché l’idea di averlo sempre a portata di mano rende in qualche modo più “tranquilli”, pronti ad affrontare le avversità sapendo che si potrà assumere il prodotto quando ne si sentirà la necessità.

I fiori di Bach possono essere un valido alleato nella nostra lotta quotidiana contro l’insonnia. Tuttavia, per chi ha bisogno di dormire, il Rescue Remedy non è la miscela più indicata. Per prendere sonno con più facilità, gli esperti consigliano Hornbeam, White Chestnut, Impatiens, Walnut, Agrimony e Red Chestnut.

Rescue Remedy: controindicazioni ed effetti collaterali

I rimedi floreali di Bach sono una soluzione omeopatica per ansia e stress, e per tutti quei piccoli problemi emotivi che sorgono quotidianamente nella nostra vita. In quanto cura omeopatica, il fiore di Bach e il Rescue Remedy, ovvero la sua versione più popolare, vengono considerate dagli esperti come un “pronto soccorso” da utilizzarsi sul momento per combattere il malessere psicofisico, ma che tuttavia non risolvono il problema.

L’unico effetto collaterale del Rescue Remedy è proprio quello di non curare, ma di procrastinare il malessere. Molti esperti naturopati consigliano dunque un utilizzo controllato dei fiori di Bach, i quali possono creare una specie di dipendenza mentale (e non chimica) nel paziente che si trovi in una situazione psicologica cronica.

In generale, se il problema da trattare è grave o si manifesta spesso, è essenziale rivolgersi a un esperto psicoterapeuta che possa avviare un percorso di guarigione professionale, evitando sempre i rimedi fai da te. Di base, il Rescue Remedy non presenta controindicazioni conosciute proprio per via dell’effetto blando del prodotto.

Rescue Remedy: la parola ai medici

Il Rescue Remedy dei fiori di Bach, come tutti i rimedi e le teorie omeopatiche del dottor Edward Bach, sono stati ripetutamente invalidati dalla scienza e dalla ricerca in materia. La medicina tradizionale ha etichettato i fiori di Bach come un placebo, ovvero un prodotto che non contiene principi attivi efficaci, ma che viene commercializzato come se li avesse e può manifestare qualche beneficio tangibile in chi ci crede.

Potrebbero interessarti anche