1. Home
  2. Salute
  3. Medicina specialistica

Emicrania con aura: tutto quello che devi sapere

L'emicrania con aura è un tipo di cefalea che coinvolge principalmente il genere femminile. Scopri come curarlo e prevenirlo.

Medicina specialistica

Il mal di testa è una patologia molto comune che spesso, per la sua apparente trascurabilità, viene spesso sottovalutata. Quando si parla di mal di testa tuttavia, è importante fare una distinzione tra:

  • cefalea: è il mal di testa inteso in senso generico. Può manifestarsi in varie forme, dalla più lieve alla più grave e può coinvolgere sia la testa che il collo.
  • emicrania: è una particolare forma di cefalea cronica e può durare per diverso tempo (da qualche minuto fino a qualche giorno).

Questo approfondimento si focalizzerà su questa seconda tipologia e nello specifico l’emicrania con aura. Vediamo insieme quali sono le principali cause e i rimedi più comuni ed efficaci.

Emicrania con aura: definizione

L’emicrania è una forma di cefalea che colpisce principalmente il genere femminile ed è caratterizzata dal fatto che il dolore viene percepito da una metà soltanto della testa che può essere per l’appunto la metà destra o sinistra (da cui per l’appunto l’etimologia della parola emicrania che significa metà testa).

A seconda del tipo di dolore che provoca, l’emicrania può essere con o senza aura. L’emicrania con aura rispetto alla forma senza aura è più rara ed è tuttora oggetto di studio da parte degli esperti.

Si definisce aura una serie di disturbi di carattere transitorio che possono accompagnare o precedere l’arrivo dell’emicrania. Spesso questi disturbi comprendono flash di luce (fotopsia), annebbiamento o oscuramento parziale della vista, nonché altri tipi di disturbi come formicolii alla bocca o difficoltà a scandire bene le parole.

Emicrania con aura: principali cause

Le cause che portano all’insorgere dell’emicrania con aura non sono molto diverse da un’emicrania intesa senza aura o ad una cefalea di tipo comune. Ecco che troviamo tra le principali cause lo stress (che puoi risolvere anche grazie all’omeopatia), la scarsa qualità del sonno o l’insonnia (se ne soffri, prova la melatonina) gli sbalzi di temperatura climatici, gli effetti prodotti dal jet lag o gli sbalzi ormonali femminili.

Oltre a queste cause ce sono diverse che sono tuttora sconosciute o incerte. All’origine dell’emicrania con aura sembra ci sia una dilatazione dei vasi sanguigni che irrorano il nostro cervello, ma poco sappiamo del perché si dilatano e cosa li provoca. La dilatazione dei vasi sanguigni causa dunque uno scompenso che porta poi alla comparsa della cefalea.

La diagnosi di questo tipo di emicrania non appare dunque né semplice né immediata e spesso l’emicrania con aura viene confusa con una cefalea di tipo comune. Per questo motivo nel diagnosticare il tipo di emicrania si consiglia di rivolgersi subito al proprio medico di base che eseguirà un’analisi accurata della patologia e consiglierà la cura e le terapie più adatte.

Emicrania con aura: la prevenzione e i rimedi

Iniziamo con il dire che non esiste una cura univoca per fronteggiare la comparsa dell’emicrania con aura: per le forme più sporadiche e blande è sufficiente un po’ di riposo, una tisana rilassante a base di melissa o valeriana o ancora la somministrazione di anti infiammatori o il classico paracetamolo.

Quando parliamo di emicranie particolarmente problematiche e importanti il discorso cambia. Sulla base della frequenza e dell’intensità dell’emicrania il medico potrà decidere di somministrare un farmaco appartenente alla categoria dei triptani se l’emicrania è di forte intensità, ma poco frequente o ancora analgesici (aspirina), antidepressivi o ancora antiepilettici in caso di emicrania frequente e intensa.

Ricorda di non sottovalutare mai l’emicrania e di evitare le terapie fai da te

Un numero sempre maggiore di persone sottovaluta i sintomi dell’emicrania e assume farmaci, spesso abusandone senza sentire il parere di uno specialista. Prima di procedere con la cura non dimenticarti dunque di sentire il parere del tuo medico di fiducia. In poco tempo avrai un’analisi accurata del tuo problema con le cure più adeguate.

Potrebbero interessarti anche