1. Home
  2. Salute
  3. Dieta e benessere

Dieta Montignac, la non dieta per dimagrire

La dieta Montignac viene considerata una dieta-non-dieta che permette di perdere peso senza grosse rinunce. Scopri in questo articolo come funziona

Dieta e benessere

Le hai provate tutte, ma proprio non riesci a buttare giù quei chiletti accumulati con l’inverno? Dopo tantissimi sforzi per perdere peso non vedi risultati? Ogni chilo perso te ne ha fatti trovare due? Se le tue risposte sono affermative, forse hai solo sbagliato dieta e potresti trovare una via d’uscita con la dieta Montignac, la dieta-non-dieta che sta spopolando.

Su cosa si basa il metodo Montignac

A differenza delle altre diete o alimentazioni particolari per dimagrire, la dieta Montignac non si basa sull’eliminazione di alimenti. Per esempio, per perdere peso sono in molti a proporre diete che eliminano i grassi: in questo modo si fanno tantissimi sacrifici e non si riesce a mantenere questo regime alimentare. Un altro tipo di dieta che è molto diffusa è quella di eliminare i carboidrati: i risultati sono immediati, ma basta mangiare un piatto di pasta per rendere vani tutti gli sforzi. La dieta Montignac si basa invece sull’associazione e combinazione di cibi tali da mantenere costante l’indice glicemico ed evitare picchi di insulina. In questo modo si possono perdere anche 4-5 chili al mese, ovviamente a seconda della massa grassa che dobbiamo eliminare; inoltre, è molto utile nella prevenzione di diabeti e malattie cardiovascolari. Non bisogna eliminare, bisogna scegliere gli alimenti per le loro potenzialità metaboliche: i glucidi a seconda del loro indice glicemico (preferire quelli <50), i lipidi per la natura degli acidi grassi contenuti (meglio polinsaturi e monoinsaturi) e per le proteine è bene vedere se sono di origine animale o vegetale.

Cos’è l’indice glicemico

Per indice glicemico si considera la capacità di un determinato glucide di alzare la glicemia dopo il pasto, ovvero la quantità di zucchero contenuta nel sangue. Il livello di glicemia è fondamentale, perché dopo i pasti secerne un ormone, l’insulina, che è in grado di regolare il senso di fame e scatenare o meno il processo di aumento di peso.

Cosa mangiare e cosa è meglio evitare

Ovviamente, vanno preferiti i alimenti a basso indice glicemico. È importante anche il modo in cui si mangia: è meglio una colazione abbondante, pranzo normale e cena leggera, con uno spuntino a metà pomeriggio. Da evitare assolutamente il pane bianco, lo zucchero e i superalcolici. Possiamo concederci, seppure da limitare al minimo, pasta, patate e riso. Possiamo consumare senza limitazioni gli alimenti a basso indice glicemico: frutta – lontano dai pasti -, carne, formaggi, legumi, insalata, spinaci, cavoli, zucchine, yougurt magro, pesce e, se la voglia di dolce ci assale, possiamo concederci cioccolato fondente, e – anche se è meglio eliminare gli alcolici – un bel bicchiere di vino durante i pasti possiamo gradirlo.

Dieta Montignac senza glutine e per vegetariani

Ovviamente, la dieta Montignac, non presentando limitazioni di cibi, è molto facile da seguire anche nel caso in cui non potessimo mangiare glutine o fossimo vegetariani: l’importante è associare gli alimenti tra loro per mantenere un basso indice glicemico. In particolare si possono consumare legumi a volontà, evitando così carni e glutine.

Potrebbero interessarti anche