1. Home
  2. Salute
  3. Cura dei denti

Denti da latte: quando cadono e come prendersene cura al meglio

La cura dei denti da latte nei più piccoli è molto importante: ecco tutto quello che occorre sapere

Cura dei denti

I denti da latte compaiono nei primi mesi di vita. Accompagnano il bambino per i primi anni e cominciano a cadere a partire dal sesto anno di età, lasciando il posto ai denti permanenti. Tutto quello che c’è da sapere sui denti da latte e soprattutto su come averne cura per far sviluppare una dentatura permanente salda e forte, fermo restando che una delle tappe obbligate, anche per i più piccoli, è la visita dal dentista, magari approfittando del mese della prevenzione dentale.

Denti da latte e piccoli drammi

Alcuni bambini nascono con i primi denti da latte già visibili, mentre altri possono arrivare a compiere un anno senza avere in bocca nemmeno un dentino. A parte queste eccezioni, che comunque non devono generare alcun tipo di preoccupazioni, i bambini cominciano a mettere i dentini da latte a partire dai 6 mesi.

Lo schema dei denti da latte

L’eruzione dei denti da latte fa riferimento a una sorta di schema con cui è possibile stabilire i tempi medi di comparsa dei vari dentini del piccolo. Tuttavia, non è da considerarsi come regola assoluta: ogni bambino ha i suoi tempi di sviluppo ed è giusto che sia così.

  • Incisivi centrali e laterali dal 3° al 12° mese
  • Primi molari decidui dal 12° al 18° mese
  • Canini dal 18° al 24° mese
  • Secondi molari decidui dal 24° al 30° mese

Il numero di denti da latte, al termine della prima dentizione, è di 20 dentini in tutto, così suddivisi nelle due arcate:

  • 2 incisivi centrali
  • 2 incisivi laterali
  • 2 canini
  • 4 molari

La prima dentizione purtroppo non è affatto indolore: i sintomi dei dentini da neonato possono comprendere irritabilità, insonnia, febbre, gonfiore delle gengive e talvolta anche diarrea. Esistono dei giocattoli per neonati ideali, che possono essere morsicati dal piccolo per lenire il fastidio, acquistabili nelle farmacie. Per quanto fastidiosi possano essere, si tratta comunque di sintomi passeggeri che possono essere alleviati con camomilla, cibi freddi o freschi, massaggi gengivali e altre pratiche tradizionali.

Quando cadono i denti da latte?

Non molti sanno che il primo dente permanente a comparire nella bocca dei bambini è il cosiddetto molare dei sei anni, che spunta alle spalle dei denti da latte senza interferire con essi e, per questo, spesso passa completamente inosservato. Gli altri denti da latte sono destinati a cadere tra i 6 e i 12 anni. In particolare, intorno ai sei anni cominciano a cadere gli incisivi, mentre i molari vengono completamente sostituiti soltanto tra i 10 e i 12 anni. Per cui non c’è nulla di cui preoccuparsi se a partire dai 7 anni i denti da latte ancora non cadono. Comunque, per stare più tranquilli, è bene rivolgersi al proprio dentista di fiducia che stabilirà un’eventuale panoramica per verificare che tutto stia andando per il verso giusto.

Anche se alcune credenze in merito ai dentini da latte sono sbagliate, una di esse è perfettamente corretta: quando un dente comincia ad allentarsi e a “traballare” eccessivamente, è necessario strappare il dentino prima che causi problemi alle gengive. Se dovessero spuntare denti permanenti “dietro” a quelli da latte (cioè tra la lingua e i dentini da latte) non c’è bisogno di preoccuparsi: l’azione della lingua e la normale masticazione porteranno i denti permanenti ad “avanzare” fino a prendere il proprio posto.

Curare i denti da latte cariati oppure no?

Purtroppo, esattamente come i denti permanenti, i denti da latte vanno soggetti a carie e altri disturbi dentali. Un’alimentazione ricca di zuccheri favorisce l’insorgere di carie e una scadente o scarsa igiene dentale non migliora certo la situazione.

La carie dei denti da latte va assolutamente curata, anche se molti genitori sono portati a trascurarla a causa del fatto che il dentino cariato è comunque destinato a cadere. Per quanto sia vero la caduta prematura di un dentino da latte cariato permetterà agli altri dentini di “allargarsi” senza controllo finendo con l’occupare anche lo spazio del dente permanente che avrebbe dovuto crescere al posto di quello cariato. Ne consegue quindi che curare i dentini da latte è strettamente necessario per salvaguardare la corretta disposizione e la salute dei denti da adulto, da correggere eventualmente anche con un apposito apparecchio dentale anche invisibile.

Dal momento in cui i dentini cominciano a spuntare sarà necessario spazzolarli ogni giorno, anche scegliendo un buon spazzolino elettrico, utilizzando piccolissime quantità di dentifricio specifico per bambini ed eventualmente integrando l’alimentazione con pasticche di fluoro, ma esclusivamente sotto indicazione del pediatra.

Potrebbero interessarti anche