1. Home
  2. Salute
  3. Omeopatia

Curare l'orzaiolo con rimedi naturali e omeopatici

L'orzaiolo è un'infiammazione acuta che può essere prevenuta e curata anche con metodi naturali e omeopatici. Scopri i più efficaci in questo articolo

Omeopatia

L’orzaiolo è un’infezione che colpisce l’occhio, in particolare la zona delle palpebre. Si tratta di un problema molto diffuso che si può curare con rimedi naturali. L’omeopatia offre molte soluzioni per curare e prevenire l’orzaiolo in modo efficace. E funziona davvero.

L’orzaiolo ha l’aspetto di un piccolo brufolo e una consistenza solida. L’area colpita è quella in cui crescono le ciglia e dove sono situate le ghiandole sebacee. A causare l’infiammazione solitamente è lo Stafilococco oppure una simultaneità con la blefarite, un’altra patologia dell’occhio.

Scopriamo insieme cause, cura e rimedi dell’omeopatia contro l’orzaiolo.

Rimedi naturali contro l’orzaiolo: le cause della patologia

La causa più comune dell’orzaiolo è una scarsa igiene personale che può provocare delle infezioni. Il batterio responsabile della malattia è lo Stafilococco che attacca la pelle, le mucose e le ghiandole, e si trova soprattutto nei terreni e nelle sabbie.

Il più delle volte l’orzaiolo viene determinato dallo Staphylococcus aureus, che si introduce nell’epidermide attraverso foruncoli e follicoli. L’infezione viene causata dalle tossine di scarto generate da questo batterio che si nutre dei tessuti morti oppure dell’acido lattico.

Esistono due tipologie di orzaiolo ed entrambe si possono curare con i rimedi naturali:

  • Orzaiolo esterno: si sviluppa sul bordo dell’occhio a causa del batterio che ha attaccato il follicolo
  • Orzaiolo interno: in cui il batterio colpisce le ghiandole di Meibomio, che si trovano vicino al bulbo oculare nel lato interno della palpebra superiore.

Rimedi naturali contro l’orzaiolo: il contagio e i sintomi della patologia

L’orzaiolo è una malattia particolarmente contagiosa. Il batterio infatti si diffonde molto facilmente sull’occhio, bastano delle mani sporche perché si scateni l’infezione, originando la patologia. Le persone più a rischio sono quelle che soffrono di blefarite, ma anche coloro che si toccano spesso gli occhi senza lavare mai le mani.

I sintomi dell’orzaiolo sono:

  • ipersensibilità alla luce,
  • lacrimazione eccessiva,
  • percezione di dolore toccando l’occhio.

Rimedi naturali contro l’orzaiolo: la cura della patologia

L’orzaiolo tende a scomparire da solo nel giro di qualche settimana. Il rigonfiamento viene riassorbito senza lasciare danni, riportando la situazione alla normalità. Per questo motivo spesso si consiglia di non cercare di risolvere il problema con i medicinali.

Nonostante ciò i rimedi naturali possono essere un ottimo aiuto per prevenire la malattia, ma soprattutto favorire il suo decorso più velocemente. In ogni caso è fondamentale non premere e non strizzare mai con le mani l’orzaiolo, questa decisione infatti potrebbe peggiorare la situazione.

Rimedi naturali contro l’orzaiolo: gli omeopatici da usare per sconfiggerlo

Esistono moltissimi rimedi omeopatici che aiutano a ridurre l’infiammazione e combattere l’orzaiolo in modo efficace. La Pulsatilla, ad esempio, blocca l’infezione, riducendo il prurito e il gonfiore delle palpebre. La Staphysagria risulta efficace soprattutto in caso di orzaioli che tendono all’escrescenza e che sono persistenti.

Fra i rimedi omeopatici contro l’orzaiolo possiamo citare anche la Belladonna, indicata in presenza di dolore pulsante, occhio teso e sensibilità alla luce, e l’Euphrasia, che può essere utile in caso di bruciore e arrossamento.

Potrebbero interessarti anche