1. Home
  2. Salute
  3. In farmacia

Come si curano le afte in bocca?

Fastidiose più che mai, le afte in bocca sono delle piccole lesioni all'interno della bocca, ma come mai si creano? Come si curano? Scopritelo di seguito

In farmacia

Le afte in bocca sono delle piccole lesioni molto fastidiose che hanno diverse cause, genetiche e ormonali. Scopri qui come prevenirle e curarle.

Afte in bocca: cosa sono e come si riconoscono?

Avere le afte in bocca può essere davvero fastidioso e doloroso. Si tratta di lesioni interne che si manifestano su palato, guance, lingua o alla base delle gengive. Si manifestano come piccole abrasioni di pochi millimetri, rotondeggianti o ovali di colore biancastro e circondati da un alone rosso, singolarmente o in gruppo.
Le afte non sono contagiose e si possono riconoscere dalla sensazione di lieve fastidio, di dolore o bruciore che ne previene la comparsa. Una volta presenti, si può sentire un dolore, anche molto forte, che diventa intenso quando si mangia. La zona interessata dall’afta è soggetta ad arrossamento e bruciore, mentre in alcuni casi può comparire anche la febbre (in caso di afte grandi ed estese). Alcuni soggetti soffrono anche di gonfiore dei linfonodi sotto la mandibola.

Afte in bocca: le cause

Per le afte in bocca le cause sono da rintracciare in diversi fattori. In generale, qualsiasi condizione comporti la riduzione della produzione di saliva rende possibile l’insorgenza di afte. Anche se non è noto quale sia con precisione la causa scatenante, ci sono dei fattori comuni alla loro comparsa, ovvero:

  • il contatto con oggetti sporchi
  • piccoli traumi della bocca, come mordersi la guancia, usare troppo energicamente lo spazzolino o il graffio di un dente rotto
  • squilibri ormonali o mestruazioni
  • una dieta povera di vitamina B12, zinco, acido folico (folati) e ferro
  • lesioni o irritazioni da alimenti (aver ingerito cibi acidi o piccanti, aromi alla cannella o astringenti) o sostanze chimiche
  • infezione da Helicobacterpylory e le infezioni virali
  • malattie infiammatorie croniche intestinali
  • sindromi di immunodeficienza e farmaci immunosoppressori.

È stato rilevato che le afte in bocca si formano in concomitanza con episodi di stress psicofisico proprio come succede per l’Herpes.

Afte: come curarle e prevenirle

Per prevenire le afte in bocca è necessario adottare degli accorgimenti nella vita quotidiana. Ecco i rimedi naturali. Innanzitutto è necessaria un’igiene orale costante, usando spazzolino a setole morbide e dentifricio dopo ogni pasto. La dieta dovrebbe evitare cibi acidi o piccanti, escludendone alcuni come noci, patatine, ananas, pompelmo e arance. Di contro, si dovrebbe inserire al suo interno molta frutta, verdura e cereali integrali, oltre a prevedere una idratazione frequente e abbondante. Avendo anche cause psicologiche, uno stile di vita sano e poco stressante sicuramente aiuta nella prevenzione.

Quando compaiono, normalmente le afte in bocca guariscono nel giro di una o due settimane ma in alcuni soggetti tendono a ricomparire con una certa frequenza (si parla in questo caso di stomatite aftosa recidivante). Chiaramente durante il periodo di guarigione bere e mangiare potrebbero rivelarsi molto fastidiosi, e se solo per i primi giorni ci si può affidare a cibi freschi e morbidi come gelati, yogurt e granite, dopo bisogna riprendere un’alimentazione sana e bilanciata preferendo tutto ciò che contiene le vitamine del gruppo B ed E.

Per le afte la cura consiste nell’applicazione di medicinali acquistabili in farmacia a base di Acido Retinoico o con un Gel Astringente a base di Cloruro d’Alluminio che stimola la mucosa a riepitelizzare. In farmacia sono poi disponibili dei collutori che formano un film protettivo sopra le afte prevenendo il contatto con i cibi. Se il dolore persiste per 10 o più giorni è necessario consultare un dentista o un medico per accertarsi che l’afta non sia maligna o precancerosa.

Potrebbero interessarti anche