1. Home
  2. Salute
  3. In farmacia

Come far passare la diarrea in fretta?

La diarrea è un disturbo piuttosto comune e fastidioso, ma soprattutto quando cronica, si rivela il sintomo di patologie gastrointestinali da curare. Ecco cosa devi sapere a riguardo

In farmacia

La diarrea è un disturbo piuttosto comune che provoca parecchio fastidio e disagio e che, nei casi in cui diventa cronica e non viene curata tempestivamente, può portare anche a problemi più seri. Solitamente non si tratta di una malattia quanto di un sintomo di una problematica gastrointestinale che può essere di vario tipo – celiachia, colon irritabile, intossicazione alimentare, per fare qualche esempio -, ma ogni qual volta capita di avere questo fastidio il primo pensiero è sempre come far passare la diarrea in modo rapido.

Quali sono le cause della diarrea?

Esistono in realtà due tipi di diarrea:

  • quella acuta, che si manifesta in modo piuttosto improvviso e che solitamente si risolve nel giro di uno o due giorni senza necessità di particolari cure se non un’alimentazione leggera,
  • quella cronica che invece permane per più tempo e può essere la spia di problemi più seri.

Prima di capire come far passare la diarrea o bloccarla, occorre capire quali sono le cause che la scatenano: solitamente si tratta di un problema che può presentarsi in concomitanza con l’ingestione di cibi o acqua contaminate (la famosa diarrea del viaggiatore rientra in questa categoria) o bevande molto fredde, oppure con l’ingestione di medicinali mal tollerati (spesso antibiotici, ma anche alcuni integratori multivitaminici).

Più banalmente la diarrea può anche essere legata a problemi di stress, colpi di freddo o veri e propri virus intestinali o influenzali.

Come bloccare la diarrea?
Bisogna capire se si tratta di una condizione passeggera o piuttosto di un problema che si protrae da più tempo: in questo secondo caso la diarrea potrebbe essere la spia di un problema al colon o di altre patologie, come le intolleranze alimentari e la celiachia, che necessita di esami specifici per essere diagnosticata, e pertanto occorre indagare con l’aiuto del medico.

Come curare la diarrea con gli astringenti naturali intestinali

Come far passare dunque la diarrea nel caso di un attacco acuto? La prima cosa è ovviamente non smettere di mangiare né tanto meno di bere perché con la diarrea si perdono ingenti quantità di liquidi e sali minerali.
E’ consigliabile dunque mangiare leggero, preferendo frutta e verdura di stagione, cotture leggere (al vapore o al forno) e cibi non grassi o difficili da digerire. La classica dieta “in bianco” con verdure bollite e riso è sempre la soluzione migliore. Anche le patate e gli alimenti secchi come grissini, fette biscottate e crackers possono aiutare a tamponare la diarrea.

Altro rimedio molto comune è quello di curare la diarrea con gli astringenti naturali come il limone: un bicchiere di acqua tiepida e abbondante succo di limone aiuta a disinfettare l’intestino e a ridurre le scariche acquose. Se acqua e limone per la diarrea è considerato un vero e proprio toccasana, ci sono altri cibi “amici” che in questo caso possono svolgere un ruolo molto importante: lo yogurt e gli alimenti arricchiti da probiotici, come il kefir di latte, possono aiutare a ristabilire l’equilibrio della flora intestinale.

Da evitare invece, finché perdura la diarrea, i latticini grassi, la caffeina e i dolci in genere.

Bloccare la diarrea con i farmaci: quando rivolgersi al medico

Come far passare però la diarrea se si è fuori casa e si ha necessità di bloccarla immediatamente? Indubbiamente la prima cosa da fare è sempre quella di rivolgersi al medico che saprà indirizzare verso il rimedio migliore, caso per caso. Ma, se l’urgenza di bloccare la diarrea è tanta, si può ricorrere ad alcuni farmaci da banco specifici che però vanno presi seguendo scrupolosamente le indicazioni del foglietto illustrativo e solo come rimedio temporaneo.

E’ sempre meglio poi consultare il medico in tutti i casi in cui la diarrea permane per più di 3 giorni o si aggrava e se si manifestano altri sintomi come sangue nelle feci, forti dolori addominali o febbre, che potrebbero essere sintomi di un’intossicazione alimentare o di un’infezione virale contratta, ad esempio, mangiando pesce crudo non correttamente abbattuto.

Potrebbero interessarti anche