1. Home
  2. Salute
  3. Cura dei denti

Ascesso gengivale: tutto quello che devi sapere per curarlo

Alitosi, sanguinamento e febbre? Potrebbe essere un'ascesso gengivale. Ecco come riconoscerne i sintomi, le cause e che cosa fare per intervenire

Cura dei denti

L’ascesso gengivale è un problema molto diffuso e fastidioso che può comparire quando i denti e le strutture di sostegno non sono regolarmente controllati da parte di un medico. In particolare, si tratta di una tasca ripiena di pus che si forma nella gengiva oppure nella radice del dente. La gengiva si gonfia perché all’interno dell’ascesso si formano pus, materiale fibroso e residui di cibo che creano l’ambiente ideale per la proliferazione dei batteri.

Ascesso gengivale: le cause

L’ascesso gengivale forma una sorta di bolla sulla gengiva, molto fastidiosa e dolente, che si sviluppa quando batteri e residui di cibo vi si depositano.

In questo modo, come per l’ascesso dentale, si crea un’infezione che forma la “bolla” dolente. Non sempre è facile risalire alla natura del problema, ma scoprirne le cause può aiutare a trovare la terapia mirata per la guarigione.

Le cause delle gengive gonfie possono essere le seguenti:

–          carie: se si forma una carie, allora si va incontro alla necrosi della polpa dentale e l’organismo attua dei processi difensivi per contrastare l’infezione batterica. La fistola gengivale può raggiungere dimensioni notevoli.

–          difese immunitarie basse: il corpo, se debole, è più soggetto a infezioni batteriche. Trattamenti farmacologici o patologie particolari potrebbero abbassare le difese immunitarie: ecco come aumentarle con i prodotti erboristici. 

–          igiene orale scarsa: una pulizia non profonda dei denti può causare la formazione di ascessi, perché il cibo si può insinuare negli spazi interdentari e cagionare anche il granuloma dentale.

Ascesso gengivale, i sintomi

Solitamente l’ascesso gengivale è molto fastidioso e doloroso, quindi non passa di certo inosservato. Oltre al dolore, altri sintomi dell’ascesso gengivale possono essere:

–          alitosi, a causa della formazione del pus,

–          gonfiore delle gengive, anche molto pronunciato, accompagnato da rossore,

–          sanguinamento delle gengive,

–          nei casi più gravi febbre. 

Ascesso gengivale, la terapia per curarlo

Una volta individuata la causa della formazione dell’ascesso gengivale, allora si decide la cura.

Le terapie sono differenti, vediamo le principali:

–          devitalizzazione, se il dente è danneggiato da una carie in maniera molto profonda ed è la causa dell’ascesso, il dentista elimina la polpa dentale e le terminazioni nervose, e con esse anche i batteri responsabili dell’infezione,

–          asportazione dell’ascesso, se è molto grande e crea fastidio. È un intervento rapido ma, una volta asportata la sacca di pus, non è detto che non ricompaia,

–          trattamento farmacologico, vengono usati dei comuni antidolorifici per alleviare il dolore, ma non servono per curare l’infezione. Anche gli antinfiammatori possono aiutare, ma per eliminare l’infezione batterica si deve prendere l’antibiotico,

–           terapia parodontale, deve essere fatta una pulizia dei denti molto profonda per eliminare i batteri che hanno invaso le gengive, nel caso in cui l’ascesso sia stato causato da una parodontite. 

Potrebbero interessarti anche