1. Home
  2. Salute
  3. Medicina specialistica

Ambliopia: cos'è e come si cura l'occhio pigro

L'ambliopia è un malfunzionamento strutturale di uno dei due occhi che può sfociare nella cosiddetta "sindrome dell'occhio pigro". Ecco come riconoscere e affrontare questo problema fin dalla giovanissima età

Medicina specialistica

L’ambliopia è un malfunzionamento di uno dei due occhi a causa di un non corretto sviluppo strutturale e neuronale dell’occhio malato. Si tratta di una condizione che si presenta fin dalla giovanissima età e a cui si può porre rimedio definitivo senza ricorrere a operazioni chirurgiche, ma a patto che si intervenga in maniera tempestiva, prima che l’ambliopia, soprattutto nei bambini, sfoci nella cosiddetta sindrome dell’occhio pigro.

Come riconoscere l’ambliopia?

Dal momento che l’ambliopia è curabile senza troppi sforzi quando identificata in tempo, la diagnosi precoce è fondamentale. Purtroppo l’ambliopia nei bambini è piuttosto difficile da identificare, a causa del fatto che i bambini non sono consapevoli di vedere male. Tuttavia, ci sono sintomi dell’occhio pigro piuttosto evidenti che i genitori potranno utilizzare come campanello d’allarme.

Un occhio affetto da ambliopia diventa leggermente strabico rispetto all’altro; la palpebra si fa cadente e tende a coprire parzialmente l’occhio pigro: per compensare i problemi di vista, il bambino tenderà a portare gli oggetti molto vicino agli occhi nonché a inclinare la testa in maniera da mettere l’occhio sano in posizione più vantaggiosa rispetto all’oggetto osservato.

Se il bambino presenta tali sintomi fin dai primi anni di vita è fondamentale sottoporlo a una visita oculistica approfondita, al fine di determinare se ci si trova in effetti davanti a un caso di ambliopia infantile ed eventualmente escludere, grazie al test, l’occhio pigro.

Rimedi per occhio pigro

Un occhio affetto da ambliopia viene trascurato dal cervello: dal momento che gli input visivi che provengono da un occhio pigro vanno nettamente in contrasto con quelli che derivano da un occhio sano, il cervello tende a fare affidamento soltanto sull’occhio sano “scartando” le informazioni visive provenienti dall’occhio malato. In questo modo, non essendo più stimolato a un corretto funzionamento, l’occhio affetto da ambliopia finisce con il vedere sempre meno.

I rimedi per occhio pigro nei bambini sono estremamente semplici da mettere in pratica: si benda con un cerotto occlusivo l’occhio sano in maniera che l’intera visione sia affidata esclusivamente all’occhio pigro. Dopo un periodo di tempo più o meno lungo, l’occhio pigro ricomincerà spontaneamente a vedere in maniera corretta.

La durata del bendaggio occlusivo dell’occhio sano varia naturalmente da caso a caso ed è fondamentale che i bambini svolgano tutte le normali attività con il cerotto. In alternativa al cerotto adesivo è anche possibile utilizzare occhiali con uno speciale filtro semitrasparente sull’occhio che funziona correttamente, ma è una misura sconsigliata se il bambino non ha bisogno di portare occhiali da vista. In caso contrario è importante sapere come scegliere gli occhiali da vista per bambini.

Tra i esercizi per l’occhio pigro nei bambini è fondamentale l’attività fisica dello sport per bambini. Per quanto possa sembrare strano, l’attività fisica comporta la necessità di focalizzare la vista rapidamente su oggetti vicini e lontani: in questo modo la vista si allena in maniera enormemente efficace.

L’occhio pigro negli adulti

Un’ambliopia non curata nei bambini sfocia irrimediabilmente nella sindrome dell’occhio pigro negli adulti che non può essere più corretta se non con un intervento chirurgico.

Talvolta l’occhio pigro può essere causato indirettamente anche da strabismo e cataratta. Le informazioni visive provenienti da un occhio strabico saranno inevitabilmente trascurate del cervello che finirà per trasformare l’occhio strabico in un occhio pigro.

Anche la presenza di cataratta naturalmente trasforma gradualmente un occhio sano in un occhio pigro, dal momento che la cataratta di fatto oscura parzialmente la vista dell’occhio in questione. La rimozione della cataratta è fondamentale per procedere eventualmente a una terapia o a un’operazione che possa ricondurre la funzionalità dell’occhio divenuto pigro alle prestazioni originarie. Questi problemi, in fase iniziale, vengono corretti con l’uso constante di occhiali o lenti a contatto giornaliere.

Potrebbero interessarti anche