1. Home
  2. Salute
  3. Omeopatia

Aconito: il rimedio naturale per ansia e febbre alta

L'Aconito è una pianta velenosa il cui utilizzo è permesso solo in omeopatia. Scopri in questo articolo a cosa serve e come assumerla

Omeopatia

L’Aconito è una pianta utilizzata in omeopatia per curare febbre, ipertensione e tachicardia. Nome scientifico Aconitum Napellus, questo rimedio omeopatico viene ottenuto grazie alla tintura madre di una pianta erbosa che fa parte della famiglia delle Ranunculaceae.

I fiori hanno un colore blu scuro e una forma a elmo, e crescono nei boschi di montagna di quasi tutta l’Europa. Dove comprarlo? L’Aconito si può acquistare solo nei negozi autorizzati alla vendita, poiché contiene l’aconitina, una sostanza altamente velenosa.

Aconito: cos’è e a cosa serve questo rimedio omeopatico

L’Aconito è un rimedio omeopatico molto potente efficace contro le infiammazioni causate da freddo, vento oppure caldo troppo intenso, esattamente come l’Artiglio del diavolo. In omeopatia viene utilizzato anche per affrontare paure e ansie causate da traumi del passato.

Grazie al suo potere curativo, l’Aconito viene scelto per guarire diversi problemi e patologie. Viene ad esempio consigliato in caso di febbre alta e violenta, che si manifesta all’improvviso. Si può somministrare anche nel caso in cui lo stato febbrile è accompagnato da dolore alle ossa, nevralgia, tosse secca, laringite, polmonite e rinite.?

Questo rimedio omeopatico è utile pure in caso di tachicardia, ipertensione, mal di denti, diarrea, emorroidi, tachicardia e ipertensione. Può rivelarsi efficace per curare le infiammazioni dell’orecchio, come otite e otalgia, traumi e problemi agli occhi e congestione causata dal freddo.

Aconito: come usare questo rimedio omeopatico?

L’Aconito si usa in presenza di sintomi ben precisi, come pelle secca, polso accelerato, ansia, agitazione, ipersensibilità, inquietudine e congestione intensa. Il più delle volte viene somministrato insieme al Sulphur, poiché l’Aconito è l’acuto di Sulphur, che a sua volta è il suo cronico. Per rendere il trattamento omeopatico ancora più efficace è necessario sommarlo ad altri rimedi come l’Arnica, la Belladonna, l’Ipeca, la Silicea e la Bryonia.

Fra gli antidoti in caso di abuso invece troviamo la Nux Vomica e la Coffea.

Aconito: dosi e somministrazione del rimedio omeopatico

L’Aconito viene consigliato in caso di febbre alta e sintomi piuttosto acuti. La somministrazione prevede 5 gocce 3D ogni quarto d’ora e successivamente ogni mezz’ora, fino ad arrivare ad un’ora. In caso di ipertensione e problemi vascolari, la dose giusta è pari a 5CH 3 granuli oppure 5 gocce ogni 3 ore, dilatando i tempi di assunzione in presenza di miglioramenti. In tutti gli altri casi gli esperti consigliano di assumere 3 granuli 6CH con intervalli da 1 sino a 3 ore, a seconda del grado di gravità.

Aconito: a chi è consigliato (e a chi no) questo rimedio omeopatico

A chi è consigliato l’Aconito? Il tipo Aconitum Napellus è solitamente un soggetto molto reattivo alle situazioni di malessere. Ciò significa che accusa immediatamente reazioni particolarmente violente, come ansia, forte agitazione e febbre alta.

Questo rimedio omeopatico invece non è indicato per tutti i soggetti che sono poco reattivi e per problemi che presentano uno sviluppo difficile e un decorso molto lento.

Potrebbero interessarti anche