1. Home
  2. Food
  3. Prodotti bio

Mangiare sano: come integrare gli alimenti bio nella dieta

Tutti noi conosciamo l'importanza di mangiare sano per evitare problematiche e patologie nel lungo periodo. Ecco alcuni consigli per integrare alimenti bio alla propria alimentazione

Prodotti bio

Quante volte, davanti alla bilancia, ci siamo guardati allo specchio dicendoci “basta, da oggi comincio a mangiare sano”? Questo è certamente un ottimo presupposto dal quale iniziare, ma siete davvero sicuri di sapere cosa voglia dire fino in fondo “mangiare sano”? Un’alimentazione sana e corretta, soprattutto al giorno d’oggi, prevede il consumo di cibo ipocalorico e di alimenti biologici. Gli alimenti biologici hanno delle caratteristiche precise, che prescindono dalla “moda” del bio e che riassumono in sé molti vantaggi per il proprio benessere psico-fisico. Scopriamo insieme come mangiare sano grazie all’introduzione di alimenti biologici nella propria dieta, le loro proprietà, i loro vantaggi e svantaggi.

Prodotti naturali o prodotti biologici: la differenza

Spesso si fa confusione fra un alimento naturale e uno biologico, scambiandoli per sinonimi. In realtà, gli alimenti biologici hanno caratteristiche molto definite, fra le quali spicca maggiormente l’assenza di sostanze chimiche o artificiali come coloranti, OGM, alteratori del gusto ed elementi sintetici: tutte regole alla base della cosiddetta agricoltura biologica. Inoltre gli alimenti biologici derivano da una coltivazione a bassissimo impatto ambientale, e vengono sottoposti a rigidi controlli in grado poi di garantirne la dicitura “bio”. I prodotti naturali – meglio conosciuti come organici – non garantiscono tutti i controlli che invece subiscono gli alimenti biologici.

Perché il bio in un’alimentazione corretta?

All’interno di un’alimentazione corretta è davvero fondamentale inserire il più possibile alimenti biologici certificati. Quando si parla di alimenti biologici non si intendono alimenti che hanno il mero compito di farci dimagrire, piuttosto di farci sentire bene e di preservare le funzioni dell’organismo e la nostra salute. Biologico significa privo di fertilizzanti chimici, additivi e sostanze che potrebbero danneggiare il nostro corpo, ma anche rispetto per la produzione agricola e l’allevamento, dalle uova ai prodotti vinicoli. Gli alimenti definiti biologici e di derivazione animale, come ad esempio il latte o le uova, non prevedono assolutamente l’utilizzo di ormoni della crescita o antibiotici, garantendo inoltre agli animali un pascolo libero e una dieta controllata, anch’essa da agricoltura biologica.

Una scelta etica

A questo punto potrete facilmente intuire perché “bio” faccia rima con mangiar sano, anche grazie alle scelte etiche che vi sono a monte. Abbiamo visto tutti i vantaggi degli alimenti biologici, ma quali sono – se ci sono – gli svantaggi?

Purtroppo, uno degli svantaggi maggiori legati agli alimenti biologici riguarda proprio la loro integrità. Molti cibi bio non lo sono al 100%, poiché possono contenere ingredienti molto raffinati o molto grassi, lontani certamente dalla filosofia del mangiar sano. Un altro svantaggio potrebbe essere quello legato al prezzo d’acquisto, sicuramente superiore rispetto agli alimenti che non riportano la dicitura “biologico” sulla targhetta.

Il costo infatti può davvero essere elevato, e questo può mettere a dura prova chi desidera seguire una dieta totalmente biologica. Tuttavia, abbiamo visto come scegliere alimenti biologici aiuti a seguire un’alimentazione sana, controllata e salutare, motivo per il quale si dovrebbe sempre optare almeno per frutta, verdura e uova di origine bio.

Potrebbero interessarti anche