la pizza in tutte le sue varianti regionali

varianti regionali pizza

Gli ingredienti della vera pizza


Acqua, farina, lievito e sale: gli ingredienti per la preparazione della pizza sono solo quattro, ma le varianti in cui è possibile declinarli sono tanti almeno quante sono le regioni italiane. 

Con la sua pasta morbida e i bordi alti chiamati "cornicione", la pizza napoletana è sicuramente la più conosciuta al mondo, ma per chiamarsi ‘verace’ deve essere esclusivamente Margherita con mozzarella di bufala campana o Marinara, il cui nome è dovuto non alla presenza dei frutti di mare, ma a ingredienti come aglio e origano utilizzati durante i lunghi viaggi in nave perché si conservavano a lungo. 

Napoli, la patria della pizza: dove mangiare una napoletana DOC


Dal 2010, la pizza napoletana è riconosciuta come specialità garantita dall’Unione Europea (scoprite le norme e la ricetta) e le pizzerie tradizionali nel capoluogo partenopeo sono davvero ad ogni angolo di strada. 

Dal Vomero in cui la pizzeria Gorizia è un must anche per gli amanti della cucina tradizionale al cuore della città dove è possibile imbattersi nel Pizzaiolo del presidente, che deve il proprio nome a una visita di Bill Clinton o nell’Antica Pizzeria da Michele, dove la ricetta si tramanda da cinque generazioni di pizzaioli. Nel quartiere Stella, invece, c’è la pizzeria Starita in cui è stato girato l’Oro di Napoli con Sofia Loren e dove assaggiare una vera e propria prelibatezza come la pizza fritta.

Le altre varianti regionali, dal padellino alla farinata


Nella Capitale, Roma, la pizza tipica ha una pasta sottilissima e croccante che viene spesso stesa con il mattarello e che potete trovare condita con i fiori di zucca da Roma Sparita a Trastevere o nella versione classica con pecorino e pepe da Terno Secco, non lontano dai Musei Vaticani. 

A Torino, invece, la pizza è al padellino perché viene preparata all’interno di un tegame in alluminio che permette di ottenere un fondo croccante e bordi alti: da provare quella de il Padellino, dove è possibile degustare un altro grande classico ovvero la farinata, una torta salata molto sottile originaria della Liguria e dagli ingredienti semplici e genuini: farina di ceci, acqua, sale e olio.

E proprio in  Liguria, oltre alla farinata, è possibile trovare la pizza genovese, offerta nelle migliori pizzerie di Genova e di tutto il litorale ligure,  la cui pasta deriva dalla focaccia o fugassa e che prevede oltre al pomodoro l'utilizzo di olive, cipolle, squacquerone e acciughe sotto sale, sostituibili dalle sarde. Imperdibile poi la variante con abbondante pesto ligure e bufala e, se non siete amanti del pomodoro, la focaccia col formaggio di Recco, uno dei piatti più richiesti dai turisti della riviera Ligure di Levante dove è possibile trovare numerose focaccerie che la offrono al taglio sempre calda e profumata.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

ricetta pizza napoletana
Il piatto che ha fatto la storia. Sebbene la pizza napoletana non abbia una data di nascita certa, viene già descritta nel Settecento in un trattato sui cibi popolari da Vincenzo Corrado, uno dei cuochi più famosi dell’epoca e grande conoscitore della cucina regionale partenopea.
pizza sana alimentazione
Quante calorie ci sono in una pizza? In questi ultimi anni, la pizza è passata spesso da piatto simbolo della nostra tradizione gastronomica a cibo spazzatura. Soprattutto a causa dell’abitudine di molti di consumarla troppe volte durante la settimana o di farcirla con troppi condimenti.